Il Resto del Carlino - Disgelo Pulgar: ora si può prolungare Alessandro Sgarzi

Il Resto del Carlino - Disgelo Pulgar: ora si può prolungare

Scritto da  Nov 01, 2018

Evitare un altro caso-Masina: questo è l’imperativo in casa Bologna, per quanto riguarda la vicenda di Pulgar. Il ragazzo poteva essere ceduto la scorsa estate, quando squadre come Fiorentina, Sampdoria, Borussia Dortmund e Sassuolo (che aveva messo sul piatto 12 milioni di euro) avevano effettuato dei sondaggi. La società rossoblù, però, si è resa conto che dopo aver ceduto Verdi, Masina e Di Francesco l’idea di abbandonare anche il cileno non sarebbe stato il massimo.
Ora il problema è un altro: la corsa contro il tempo per evitare, appunto, di svenderlo, siccome il suo contratto scade nel 2020. Dalle parti di Casteldebole pare che giungano buone nuove perché dopo il gelo creato dall’agente (i patti erano che società ed entourage si sarebbero dovuti incontrare post-mercato), ecco che dovrebbe essere tornato il sereno: in estate si parlava, oltre al prolungamento, anche dell’adeguamento da mezzo milione a 800mila euro. Ora si vedrà se sarà esattamente così.
Sarebbe un peccato non recuperare un giocatore che, dopo la sfuriata col Genoa, è stato rilanciato a Sassuolo, ottenendo anche buoni risultati.

Sebastiano Moretto

Studente di Scienze della Comunicazione col pallino del pallone e del giornalismo. Quando la domenica vado a messa, mi dirigo verso lo stadio.