Mbaye illude ma l'Atalanta vince al Dall'Ara: 1-2

Scritto da  Nov 04, 2018

BOLOGNA - Il Bologna illude i tifosi nel primo tempo ma, nella seconda frazione è pressoché solo Atalanta e i rossoblù crollano: 1 a 2.
Pippo Inzaghi schiera Dzemaili dal primo minuto e Gonzalez viene posizionato al posto di Danilo mentre Kreicj presidia la fascia sinistra. I nerazzurri puntano su Gomeze e Barrow in attacco con Ilicic a fare l’incursore alle loro spalle.
Passano appena tre minuti e il Bologna incanta in manovra: Palacio controlla fuori area e passa a Santander che stoppa perfettamente il pallone e serve Mbaye che arriva in backdoor: è gol, Bologna in vantaggio. Meglio non poteva iniziare. Per il terzino del Bfc è il secondo gol consecutivo in campionato.
L’Atalanta cerca di reagire mantenendo possesso palla e cercando di trovare l’infilata giusta. Al sedicesimo, dopo verticalizzazione, Barrow si trova quasi a tu per tu con Skorupski ma l’intervento di Gonzalez è perfetto sul pallone e sventa il pericolo.
Il Bologna risponde con un bel colpo di testa dopo cross di Mbaye: l’impatto è buono ma la palla è morbida e Berisha blocca.
Anche il colpo di testa di Mancini, due minuti dopo, va oltre la traversa a due metri dalla porta. Prosegue la pressione nerazzurra, il Bologna difende e riparte. Tra i giocatori di Gasperini sembra essere Barrow il più attivo.
Al 27’ sono però i rossoblù che si avvicinano al gol: cross ancora di Mbaye è perfetta incocciata di Palacio ma il pallone esce di poco dal secondo palo. Passa un minuto ed è Pulgar a cercare la via della rete da fuori area ma il pallone esce di poco.
Alla mezz’ora è invece Gosens che prova da fuori ma la palla è facile preda di Skorupski.
A un minuto dalla fine del primo tempo, Palomino cerca la porta da una venticinquina di metri con un rasoterra: blocca Skorupski attento.
Inizia la seconda frazione di gioco con Gasperini che cambia Barrow con il più fisico Zapata. Quest’ultimo prova il tiro da fuori ma la traiettoria si alza oltre lo specchio. Ma il tiro è comunque pericoloso.
L’Atalanta però spinge e al 57’ perviene al pareggio, grazie ad un fortunato rimpallo: il piede fortunato è quello di Mancini che secca Skorupski: 1 a 1.
La partita è comunque divertente con entrambe le squadre che cercano il gol della vittoria, anche se è l’Atalanta che spinge maggiormente e il Bologna attiva solo ripartenze. Infatti, al 62’, è Skorupski ad essere impegnato in una bella presa a terra.
Ma il patatrac arriva al 70’ quando Mbaye non riesce a mandare in angolo un pallone che arriva dalla destra; la sfera rimane invece dentro l’area e a due metri da Skorupski interviene solo Zapata che insacca a botta sicura: 1 a 2. Il Bologna si è spento ma la fortuna non aiuta certo i rossoblù. A dimostrarlo è anche l’occasione capitata a dieci minuti dalla fine con Berisha che è bravo a gettarsi su un pallone che sarebbe potuto finire nei piedi preziosi di Palacio, a pochi palmi dalla porta.
All’82’ Inzaghi le prova tutte e toglie Svanberg sostituendolo con Destro ed un modulo a quattro giocatori d’offesa e due mediani. Tuttavia, questo non aumenta in modo efficace la spinta bolognese e, nonostante un tentativo in sforbiciata di Orsolini poi neutralizzato, la partita finisce con l’Atalanta che porta a Bergamo l’intera posta.


BOLOGNA (3-5-2): Skorupski; Calabresi, Gonzalez, Helander; Mbaye, Dzemaili (63’ Poli), Pulgar, Svanberg (82’ Destro), Krejci (72’ Orsolini), Palacio, Santander. All.: Inzaghi.
ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Palomino, Mancini; Hateboer, de Roon, Freuler, Gosens; Ilicic (82’ Pasalic), Gomez (89’ Rigoni); Barrow (46’ Zapata) All.: Gasperini.
Arbitro: Federico La Penna da Roma (Prenna e Tegoni assistenti di linea, IV ufficiale Pillitteri, V.A.R. Chiffi, A.V.A.R. Mondin)
Reti: 3’ Mbaye (B), 57’ Mancini, 70’ Zapata
Note: ammoniti 24’ Ilicic, 41’ Gomez (A); 47’ Helander (B)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.