Il Resto del Carlino - Inzaghi: "Battuti da due rimpalli dopo un'ora alla grande"

Scritto da  Nov 05, 2018

 

 

Il Resto del Carlino riassume così la conferenza stampa post partita del tecnico piacentino.

"La migliore prestazione dell'anno. Per un'ora siamo stati superiori all'Atalanta, l'unico nostro vero errore è stato quello di non chiudere la partita".

E' si vero che fino al gol di Mancini la squadra rossoblu ha tenuto il campo con sostanza e coraggio. Ma le partite durano 90 minuti, non 60 e questo la squadra dovrebbe impararlo in fretta.

"Avrei preferito che Ilicic e Gomez, che hanno queste giocate nelle corde, mi avessero segnato due gol con tiri a giro che s'infilavano nel sette. Invece i loro gol nascono da due rimpalli su altrettanti tiri sbagliati: sinceramente non ricordo altre parate di Skorupski, né un'Atalanta che ci abbia bombardato. Dispiace per la sconfitta, ma rimane la prestazione: e da quella dobbiamo ripartire".

La classifica non è rosea. Nonostante le buone prestazioni, tra Torino, Sassuolo ed Atalanta si sono raccolti solo due punti.

"Io sono dell'idea che tra Sassuolo e oggi avremmo meritato di più. E' un momento in cui ci dice anche un po male: se penso non solo ai loro due gol, ma alla girata di Palacio che è finita sul volto di Berisha... Ma so benissimo che nella condizione in cui siamo dobbiamo innanzitutto portare a casa dei punti".

Il morale di una squadra così giovane, senza l'ausilio dei risultati ed in situazioni del genere può crollare.

"A fine partita i miei ragazzi erano molto dispiaciuti, perché sapevano di aver perso senza meritarlo. E quando succede questo ci resti male".

Inzaghi, oltre alla sfortuna si appella al divario tecnico tra le due squadre:

"L'Atalanta ha una rosa incredibile, per essere alla loro altezza nel secondo tempo avrei dovuto fare dieci cambi: perché i nerazzurri per noi sono fuori portata. Ma se ho tolto Dzemaili per inserire Poli non l'ho fatto con l'intento di abbassarmi: è la forza dell'Atalanta che ci ha fatto arretrare".

Domenica a Verona ci aspetta Chievo, che ad oggi ha dimostrare di avere una "forza" completamente diversa da quella della squadra di Gasperini.

"Con la zona salvezza a tre punti ogni partita per noi diventa importante. Certo vogliamo tenere il Chievo lontano danni in classifica dunque giocheremo per vincere".

Poi il tecnico ribadisce:

"Abbiamo giocato sessanta minuti alla grandissima, con intraprendenza e aggressività. In quell'ora di gioco abbiamo annullato due campioni come Ilicic e Gomez. Ma quando affronti avversario così dotato tecnicamente e hai la possibilità di fare il 2-0 non devi sprecarla. Io della prestazione resto comunque soddisfatto".

Ultima modifica il Lunedì, 05 Novembre 2018 08:42
Michael Mucci

La vita è come un sentiero avvolto dalla nebbia: devi avere il coraggio di cercare e prendere delle deviazioni.

Appassionato di viaggi, fotografia e Bologna FC. Sogno nel cassetto: diventare un Fotoreporter.