Gian Piero Ventura Gian Piero Ventura Momenti di Calcio

Il Resto del Carlino - Ventura appoggia le dimissioni nelle mani di Campedelli

Scritto da  Nov 12, 2018

Fulmine a ciel sereno, improvviso, inatteso: Ventura non vuole essere più l'allenatore del Chievo, con cui aveva iniziato l'avventura poco più di 3 settimane fa. Il pareggio beffardo (questo a suo dire, ndr) ha fatto traboccare il malessere che probabilmente covava da qualche giorno e, al triplice fischio finale, è sceso negli spogliatoi ha espresso, con amarezza personale, la sua volontà di lasciare prima alla squadra (che, stando ai si dice, non avrebbe reagito benissimo) e poi al Ds Romairone, che ha cercato di parare il colpo dicendo: "Siamo esterrefatti e spiazzati". Parole di circostanza, che non celano il disappunto totale di questa vicenda che aggiunge estremo stupore per il possibile epilogo alla situazione di classifica ingarbugliatissima. Un Ventura che, durante i 90 minuti regolamentari, ha poco interagito con la squadra, al punto da mandare il suo vice nel secondo tempo a dare le istruzioni a chi era in campo. Un segnale di distacco che poteva lasciare presagire un simile epilogo? Difficile dirlo. Adesso tocca al Presidente decidere, ma sicuramente il rischio che un ambiente "sfiduciato" possa implodere è assai alto e urgono rapidi soluzioni. La sensazione che quel Italia-Svezia di un anno fa possa essere ancora un macigno che pesa nella testa di Mister Ventura, non ancora pronto a risedersi con tranquillità su una panchina di calcio. In bocca al lupo, Gian Piero.

(Fonte Doriano Rabotti - RdC)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"