Corriere di Bologna - Tutti i numeri del Bologna di Saputo Michael Mucci

Corriere di Bologna - Tutti i numeri del Bologna di Saputo

Scritto da  Nov 16, 2018

In sede di approvazione, il Cda del Club rossoblù, ha previsto una perdita di oltre 13 milioni per l'esercizio 2018-2019; un dato che comprende le componenti positive di reddito derivanti dalle operazioni della scorsa estate (Di Francesco e Masina), ma che potrebbero non bastare.
Sarà necessaria un'immissione di finanza per 19 milioni di euro, di cui 12 verranno coperti da linee di credito già disponibili per anticipi fatture. In tutto questo Joey Saputo c'è, perchè oltre ai 24 milioni spesi nell'ultimo anno, si è già preso l'impegno di immettere nelle casse rossoblù altri 7 milioni, prevedendo la necessità di ulteriori apporti in caso di nuovi investimenti.
Il portafogli del chairman però potrebbe svuotarsi ancora di più, se in sede di mercato sarà obbligatorio intervenire per mantenere la categoria. Probabilmente è ancora presto per questo tipo di discorsi, ma bisogna sicuramente prendere in considerazione anche questa eventualità.

Gli altri numeri li sapevamo già: 4,9 milioni di perdita per l'esercizio 2017-2018 (11 in meno rispetto al bilancio precedente) con costi totali saliti a ben 95,8 milioni (incremento di 8,3 milioni) e ricavi pari a 92,8 milioni (19,8 in più dell'anno prima).
Se da un lato sono buoni i dati dei ricavi, generati soprattutto dalle plusvalenze, stona e di molto il dato dei costi, che cresce sempre di più, contro una crescita inesistente dal punto di vista sportivo. I rossoblù ad oggi spendono troppo, o almeno di più, rispetto a squadre che si trovano nella stessa fascia.

Infine, ecco alcuni dati legati al mercato, sulle operazioni chiuse entro il 30 giugno: Verdi è stato venduto al Napoli per 24,5 milioni di euro (di cui 4,9 milioni al Milan), con una plusvalenza di più di 23,5 milioni; Santander è costato 6,5 milioni, Paz 1 milione, mentre la sorpresa Calabresi solo 200.000 euro. Tornando all'anno scorso, Falletti e Avenatti sono stati pagati 2,5 milioni a testa, mentre ha portato una minusvalenza di 1,3 milioni la cessione di Taider agli Impact.

 

(Fonte: Corriere di Bologna - Alessandro Mossini)

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.