Il Resto del Carlino – Coppa Italia come una trappola: non si può sbagliare

Scritto da  Dic 04, 2018

Alle 18, allo stadio Renato Dall’Ara, si giocherà Bologna-Crotone, una delle tre partite che inaugureranno il quarto turno di Coppa Italia. Si gioca con la formula della gara secca, con eventuali supplementari e calci di rigore. Una delle novità è che dopo i 90 minuti si potrà effettuare anche il quarto cambio. Chi vincerà il match dovrà sfidare la Juventus a gennaio negli ottavi, e se si affronteranno due squadre di serie A il campo verrà sorteggiato.

Fresco di retrocessione, il Crotone è quintultimo in zona playout, a soli due lunghezze dal terzultimo posto che significa serie C diretta. In pratica è in condizioni simili a quelle dei rossoblù. Se il Bologna cerca segnali, il Crotone fa altrettanto. Chi l’avrebbe mai pensato che una partita di quelle teoricamente alla portata si sarebbe trasformata in una tappa obbligatoria di riscatto personale. Sarebbe bastato che i rossoblù avessero fatto il loro dovere nelle precedenti gare di campionato, per far si che quella di oggi venisse considerata semplicemente una tappa abbordabile da affrontare per centrare il bersaglio della qualificazione agli ottavi, contro l’ostica nemica Juventus. La partita di oggi rischia di essere una partita sminuita dai fatti; come si fa a pensare alla Coppa Italia quando c’è in ballo la salvezza? Una cosa è certa, oggi bisogna vincere: non riuscire ad eliminare una squadra che fatica a rimanere in serie B di sicuro sarebbe un colpo così basso da non riuscire nemmeno a preparare la partita che (al momento) conta di più. Quella contro l’Empoli.