Resto del Carlino - Il ritorno di Joey

Scritto da  Gen 09, 2019

Ci sarà da attendere ancora un po', poi il ritorno di Joey Saputo sarà realtà, precisamente nella settimana che porterà al derby di Ferrara (la prossima), quando il presidente del Bologna tornerà sotto le Due Torri ben due mesi dopo l'ultima volta (era il 25 novembre, Bologna-Fiorentina finita 0-0).

Due i tavoli che interesseranno l'imprenditore canadese nei giorni rossoblu: lo stadio e il mercato.

Il primo: tra il 18 e il 21 gennaio dovrebbe esserci la presentazione del progetto di restyling del Dall'Ara, a Palazzo Dè Toschi, nel cuore della città, per dare una segnale forte all'ambiente e dimostrare l'inconsistenza delle voci su un possibile disimpegno.

Il secondo: dopo i colpi di Soriano e Sansone, già capaci di dare un plus notevole a livello tecnico, in sede di mercato sarà necessario un ulteriore sforzo, per riparare agli errori estivi e donare al tecnico Inzaghi una squadra attrezzata per la salvezza (che necessita di altri uno-due rinforzi).

Insomma, dopo il "buco" natalizio, Joey Saputo è pronto al ritorno, per iniziare al meglio il 2019 e buttarsi alle spalle l'ultimo anno da dimenticare: Bologna attende, con fiducia e speranza, il ritorno del suo presidente.

 

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Gennaio 2019 09:26
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.