Under 17 - Bologna crea, Verona segna: finisce 0-1 Pietro Pieralisi

Under 17 - Bologna crea, Verona segna: finisce 0-1

Scritto da  Gen 28, 2019

 

 

Squalifiche, infortuni, bel gioco, sfortuna e Tota. Questi sono i cinque fattori con cui si può riepilogare la sconfitta di misura dell’Under 17 di Paolo Magnani, subita ieri pomeriggio dall’Hellas Verona, per 0-1. Ora come ora, il Bologna si trova fuori dalla zona playoff, siccome occupa il sesto posto della graduatoria, a quota 24 punti. Chiaramente, non è tutto da buttare (anzi, a dirla tutta, nulla è da buttare), perché il turno di riposo è già stato scontato e il match contro l’Atalanta di domenica prossima sarà l’occasione per rialzare subito la testa, vendicando – magari – quel 1-6 subìto all’andata.

La sedicesima giornata di campionato dei locali inizia già nel riscaldamento, quando – oltre ai cinque giocatori indisponibili tra assenze e squalifiche – mister Magnani rischia di fare a meno anche di Molla, accasciatosi dolorante alla mano, dopo un tiro dell’allenatore dei portieri (improvvisato), Pagliuca senior. La paura, fortunatamente, passa dopo pochi minuti e l’estremo difensore – già nel giro della Nazionale di categoria – può scendere tranquillamente in campo.
La prima frazione di gioco si apre, dopo 8’, con un giropalla difensivo gialloblù interrotto da Rocchi, il quale si spalanca la prateria con destinazione Tota. Dopo aver super superato l’estremo portiere, però, non riesce a finalizzare la più ghiotta occasione rossoblù, sulla quale è bravo e veloce Bracelli a mettere lo zampino.
Nella seguente mezz’ora, le squadre non fanno nulla per passare in vantaggio, a causa sia di due reparti difensivi sull’attenti e di un campo scivoloso e pieno di zolle. Nonostante ciò, al 38’ cambia la partita: Pierobon, da fuori area, imbecca con un passaggio filtrante il centravanti Yeboah, lucidissimo poi a superare Molla con un pallonetto. I veronesi, contando sul fatto che il calcio non sia una scienza esatta, passano in vantaggio.

Nel secondo tempo, i rossoblù scendono in campo con tutto un altro piglio. Nei primi dieci minuti sono ben tre le occasioni che capitano sui piedi dei ragazzi di mister Magnani: le prime due sono ancora per Rocchi, prima sfortunato – sugli sviluppi di una punizione – a colpire la traversa, e poi, in un primo tempo, bravissimo a mettere in crisi la retroguardia veronese, mentre nel secondo è meno lucido a realizzare a tu per tu con Tota. Al 53’, sempre su spunto del numero 11 felsineo, Orlietti non riesce a deviare il pallone in porta, a pochi metri dalla linea. Da questo momento, l’offensiva locale comincia a venire leggermente meno, comunque – allo stesso tempo – concedendo ai veneti solamente una pericolosa punizione dal limite dell’area, sparata sulla barriera da Yeboah. Al 74’ accade il fatto che può cambiare la gara: Squarzoni prende il secondo giallo e viene spedito sotto la doccia anzitempo. Purtroppo per i felsinei, però, la gara viene spesso interrotta da falli degli ospiti, duri a difendere il minimo vantaggio.
A nulla valgono le ultime e speranzose palle lunghe, calciate anche per sfruttare i centimetri di Cudini, posizionatosi in attacco, e il tiro a giro al 94’ di Mingozzi, sul quale un insuperabile Tota risponde ancora presente.


BOLOGNA-HELLAS VERONA 0-1

BOLOGNA: Molla, Agyemang, Orlietti, Cudini, Montebugnoli (82’ Mingozzi), Graziano (73’ Boriani), Sanzovo (73’ Casadio), Pagliuca (24’ Campagna), Naddeo (82’ Cenni), Secli (46’ Parlanti), Rocchi. All. Magnani

HELLAS VERONA: Tota, Gresele, Bracelli, Calabrese, Avolio, Turra, Cortese (73’ Zingertas), Squarzoni, Pierobon, Yeboah, Nicolau (89’ Tozzo). All. Corrent

Marcatori: 38’ Yeboah

Ultima modifica il Lunedì, 28 Gennaio 2019 10:48
Sebastiano Moretto

Studente di Scienze della Comunicazione col pallino del pallone e del giornalismo. Quando la domenica vado a messa, mi dirigo verso lo stadio.