Resto del Carlino – Servono carattere e gerarchie

Scritto da  Gen 29, 2019

Comincia oggi la missione impossibile, primo allenamento per Sinisa Mihajlovic nel pomeriggio. Ci sono troppe cose su cui un allenatore deve mettere mano per raddrizzare una barca che sta affondando verso la serie B. Ci sono una serie di fattori su cui il tecnico sa già che dovrà lavorare a muso duro. I nodi da risolvere sono:

-         -  Evidente crisi di nervi, dal momento che troppi giocatori commettono errori banali e ingenui, sicuramente dettati da una condizione psicologica in bilico

-         -  Scelte tattiche precise, Mihajlovic dovrà dare una nuova identità attraverso il modulo

-         -  Piazza da riconquistare, i tifosi sono infuriati e soltanto i risultati potranno cambiare questa condizione

-         -  Gerarchie da impostare, il gruppo ha patito l’assenza di veri leader e la confusione dell’assenza di posizioni da conquistare

Al tecnico predilige il 4-3-3, probabile che insista su quello, ma dipende anche da cosa gli consegnerà la fine del mercato. Le capacità da sempre richieste dal tecnico non sono per niente scontate però, perché la fase di non possesso ordinario può essere riscontrata come un punto debole della squadra di Mihajlovic, in quanto difetti di comunicazione tra i giocatori o errori individuali aprono dei varchi per gli avversari. Ma non fasciamoci la testa prima di romperla.
Carattere, modulo e grinta: queste sono le priorità. In bocca al lupo Mister!