Stampa questa pagina
Lyanco Lyanco Tuttosport

Corriere Bologna - Bologna: Novità Lyanco per l'11 anti Inter

Scritto da  Feb 02, 2019

 

 

Il dubbio è stato presto sciolto, nel freddo di questi primi tre giorni. Mihajlovic è rimasto nel solco (a lui gradito) del 4 3 3, cavallo di battaglia del primo Donadoni e dell'ultimissimo Inzaghi, provando a leggere ed imparare, con la rapidità che la necessità dei tempi imponeva, le caratteristiche  dei propri giocatori. La novità più importante è l'inserimento dell'ex granata Lyanco al fianco di Danilo: il serbo brasiliano ha superato nelle gerarchie Gonzalez e Paz (ma attenti che anche lo squalificato Helander potrebbe finirgli dietro) e si accomoda al centro della difesa, dove ai fianchi, sui rispettivi out di competenza, potrebbero essere scelti il giovane Calabresi e l'olandese Mitchell Djiks, libero di scavallare fino all'area nerazzurra, mentre l'ex primavera romanista dovrebbe rimanere "bloccato" sulla linea a 4. A centrocampo la linea pensata da Sinisa dovrebbe ricalcare quella scesa in campo contro il Frosinone, cioè Pulgar, in cabina di regia, con ai fianchi Poli (ex milanista per il quale la partita di domenica avrebbe il sapore del derby) e l'estro di Soriano. Davanti, stante la possibile defezione di Sansone per affaticamento muscolare, il tridente dovrebbe avere al centro Santander, a fare a sportellate nell'area comandata da Handanovic, mentre ai lati Orsolini e Palacio (un grande ex, ndr) ad impensierire la difesa interista. Destro potrebbe entrare a partita in corso, mentre il giovane Edera potrebbe sostituire Palacio, quando Rodrigo andrà in debito di ossigeno. Si gioca alle 18, con la speranza, neanche tanto velata, che il turno di Coppa Italia abbia fiaccato nelle gambe (e nel morale) l'11 di Spalletti, per il quale una sconfitta (difficilmente ipotizzabile, ma sempre possibile) potrebbe fare concludere la sua esperienza da allenatore a Milano.

 

(Fonte Marco Vigarani, Corrbo)

Ultima modifica il Sabato, 02 Febbraio 2019 09:53
Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"