Il Resto del Carlino - Danilo, hai una "rivincita" da prenderti contro l'Udinese Sara Melotti

Il Resto del Carlino - Danilo, hai una "rivincita" da prenderti contro l'Udinese

Scritto da  Feb 28, 2019

Il più delle  volte, i bei ricordi devono essere appesi al muro. Questo gesto segue due interpretazioni: indimenticabili e soggetti di ricordi in loop, oppure indimenticabili ma lì sono e lì rimangono. Specie se cambi casa. Specie se vai nella squadra in cui, poco più di due anni fa, hai segnato quel gol in rovesciata, al 93’. Danilo, quel poster l’ha lasciato a Udine, vuoi perché si è lasciato male coi bianconeri, vuoi per rispetto del Bologna.
Il difensore 34enne brasiliano ha traslocato dal Friuli quest’estate, dopo sette stagioni – di cui due con la fascia al braccio – nelle quali ha dimostrato di avere un carisma niente male. Dopo cinque anni di “nulla”, nel 2016 – guarda caso quando diventa leader – inizia a sbroccare: a marzo sfida i tifosi della Curva, dopo una gara persa con la Roma; l’estate successiva, sempre riferito ai supporters, disse che “se il problema sono io, rinuncio alla fascia”; a novembre, in allenamento, fa assaggiare i tacchetti a tre suoi compagni di squadra; a maggio, prende per il collo il sampdoriano Muriel.
Domenica, il difensore tornerà – da titolare – al “Friuli”, avendo chissà quale accoglienza, perché – dulcis in fundo – lui è arrivato pochi mesi fa a Bologna soltanto dopo una litigata col responsabile dell’area tecnica bianconera, Pradè, finendo fuori rosa.

La carriera di Danilo, nella società di Pozzo, è andata in calando. La linea guida che dovrà seguire durante il match sarà “mantenere la calma”, con la quale Mihajlovic si è dimostrato – nelle ultime gare – un ottimo manipolatore. Nell’ultimo periodo, a Udine, non è che abbia avuto proprio dei momenti indimenticabili, quelli da appendere al muro. E chissà, magari nella casa a Bologna ha un muro bianco che sta solo aspettando di essere riempito…

Sebastiano Moretto

Studente di Scienze della Comunicazione col pallino del pallone e del giornalismo. Quando la domenica vado a messa, mi dirigo verso lo stadio.