Atalanta-Bologna: la conferenza stampa di Mihajlovic: "Domani cambieremo qualcosa"

Scritto da  Apr 03, 2019

Dopo la sbornia post Bologna-Sassuolo, che ha dato una carica di adrenalina incredibile ai rossoblù, si torna subito in campo con il posticipo del turno infrasettimanale in casa dell'Atalanta. I bergamaschi vengono da un ottimo stato di forma, ma i ragazzi di Mihajlovic hanno dimostrato di poter dire la loro su ogni campo. 
E' vietato abbassare la tensione in un momento così importante della stagione, e Sinisa sicuramente cercherà di mantenere la barra dritta anche in una partita che sulla carta "si può anche perdere".

Queste le parole di Mihajlovic nella conferenza prepartita:

Palacio turno di riposo?

"Cambieremo qualcosa, poi Palacio, Dzemaili o Dijks non lo so. Qualcosa cambieremo, poi vediamo chi. Oggi devo parlare con i ragazzi per sentire come si sentono, ma vediamo quanto cambieremo. Dipende soprattutto da loro. Cerco sempre di mettere la squadra migliore dal punto di vista fisico e mentale"

La squadra è sopra la zona retrocessione. Che aria c'è?

"Euforia è un sentimento positivo, meglio avere euforia che essere abbattuti. Sicuramente bisogna essere equilibrati, ma si sono meritati questa posizione e sanno che questa è la strada giusta. Mancano 9 partite e speriamo di fare i punti per salvarci"

Che qualità temi dell'Atalanta?

"Sono una squadra fisica, che corre tanto, molto intensa. Più o meno come gioca il Torino, ma l'Atalanta ha più qualità, soprattutto con Ilicic e Gomez sono due giocatori di qualità. Gli altri sono forti e grossi, quindi bisognerà vincere le seconde palle, i duelli individuali. I miei ragazzi però sono preparati e potranno farlo anche domani. Gomez e Ilicic sono i più imprevedibili, con il primo forse più imprevedibile. A volte sembra che giochino in 13. Non sarà facile per noi, ma non sarà facile anche per loro"

Atalanta candidata per la Champions?

"Durante un campionato è difficile che ti trovi una squadra che non incontri difficoltà. Prima o poi capita a tutti; l'Atalanta ha avuto un momento difficile, poi si sono ripresi. Ci sono tantissime squadre in quella zona, poi c'è una bellissima lotta per l'Europa League. E' un campionato divise in due fasce"

Il Bologna giocherà sempre dopo le altre nelle prossime giornate...

"Non mi fa né caldo né freddo. Abbiamo giocato col Torino dopo che la Spal ha vinto con la Roma. Non cambia tanto, noi dobbiamo guardare noi stessi. Se oggi l'Empoli dovesse perdere sarebbe uno stimolo in più andare a Bergamo per andare a più 5. L'importante è la prestazione e che ognuno faccia il massimo. Se arriviamo con una certa mentalità possiamo giocarcela con tuttii

Hai parlato con Destro?

"Gli dispiace più di tutti. Gli infortuni fanno parte del calcio. Quando uno si infortuna in quella circostanza è anche un po' comico. Il suo problema è che non riesce mai a trovare continuità; questo è perchè in passato non ha fatto gli allenamenti a dovere. Fin quando l'organismo non si abitua, paghi"

La squadra reagisce molto bene nei momenti in cui è sotto nel punteggio e sotto pressione...

"Fa piacere, significa che stiamo lavorando bene. Sono consapevole che ti porti molto dal punto di vista fisico e mentale. Prima o poi succederà che la squadra non farà quello che dovrebbe fare. Spero ovviamente di no, ma la mia esperienza mi dice che prima o poi succederà. Noi la prepariamo sempre nella stessa maniera per vincere. Rincorrere è sempre molto più difficile che essere rincorso. mancano 9 partite ed ogni partita è molto difficile. Non siamo robot, spero che il calo avvenga il più lontano possibile"

 

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.