Il Resto del Carlino - I quindici minuti di Bergamo è un dejavù

Scritto da  Apr 06, 2019

Siamo onesti, chi si ricorda una gara dove il Bologna ha preso in 15 minuti 4 goal? Se i nostri lettori vanno a memoria, devono ripercorrere a ritroso nel tempo la storia della Serie A, fino al 23 novembre 1958. Al comunale di Firenze, va in scena Fiorentina Bologna, uno dei tanti derby dell'Appennino che ha costellato la storia del massimo campionato Italiano.  Sugli spalti gli oltre 40.000 spettatori videro una partita assolutamente piena di goal: nel giro di addirittura dieci minuti, dal 9° al 18° minuto del primo tempo, vennero realizzate ben sei reti, quattro dalla Fiorentina e due dal Bologna. Erano altri tempi si dirà, ma il dato rimane scolpito nella memoria (comunque la partita finì 6 a 3), così come nella memoria rimarranno scolpiti altri risultati rioboanti, che portano 4 segnature nel lasso di pochissimi minuti da parte dell'avversario di tutto dei rossoblù. Le partite sono Sampdoria - Bologna, un 7 a 2 del lontano 10 giugno 1951, mentre, correndo ancora più indietro con la memoria, nel lontanissimo 21 novembre 1948, a Roma, la Lazio si imponeva 8 a 2 all'Olimpico (nella foto). Di questa partita, in calce all'articolo, vi mettiamo il tabellino di quel match, completo di marcatori. Si rassereni Mihajlovic (ma crediamo che in cuor sia l'allenatore serbo lo sia): figuracce del genere il Bologna le aveva già vissute e, pochi anni dopo, avrebbe vinto il suo ultimo scudetto. Che possa essere un godurioso auspicio?

 

Domenica 21 novembre 1948  – Roma, stadio Nazionale

Campionato Italiano di Serie A 1948/49  – XI giornata

Lazio-Bologna 8-2

Lazio: Brandolin, Antonazzi, Piacentini, Todeschini, Gualtieri, Alzani, Puccinelli, Magrini, Penzo, Flamini, Nyers. All.: Sperone.

Bologna: Vanz, Giovannini, Ballacci, Cingolani, Sarosi, Mezzadri, Cervellati, Zacconi, Cappello, Gritti, Bernicchi. All.: Cargnelli.

Reti: 7’Puccinelli, 23’ Gritti (B), 36’Nyers, 39’ Puccinelli, 57’ Penzo (rig), 68’ Gualtieri, 70’ Magrini (rig), 72′ Vanz (aut), 75′ Penzo, 87′ Bernicchi (B)

 

(Fonte RdC)

 

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"