Sinisa Mihajlovic in conferenza stampa Sinisa Mihajlovic in conferenza stampa Sara Melotti

Bologna-Sampdoria: La conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic

Scritto da  Apr 19, 2019

Il Bologna si prepara ad affrontare la partita con la Sampdoria, la prima di due gare casalinghe estremamente importanti per i rossoblù di Sinisa Mihajlovic che quest'oggi ha presentato il match contro i blucerchiati nell'abituale conferenza stampa pre partita. 

Sampdoria e Bologna sono entrambe squadre con importanti obiettivi...

"Tutte e due le quadre hanno obiettivi importanti e vogliono vincere. Spero sia una bella partita e che saremo noi ad uscirne vincitori. Loro hanno ottimi giocatori, vengono dalla vittoria nel derby ma noi giocheremo a casa nostra e sappiamo che in casa posiamo vincere se giochiamo come sappiamo."

Cosa non ha funzionato a Firenze?

"Quello he ho detto è quello che si è visto in campo. E' stato un punto importante ma abbiamo offeso poco. Ho fatto vedere anche a loro i dati offensivi ed è stata probabilmente la peggiore partita da quando sono qua. Dobbiamo osare di più ed essere più coraggiosi. Vedremo quello che succederà."

C'è una flessione fisica dei suoi?

"No, ci arrivano i dati e corriamo sempre più dell'avversario e mettiamo sempre molta intensità. La squadra sta bene e non è questo il problema. Una squadra non può star bene una settimana e quella dopo no. Ho visto quello che avete scritto e sembrava che il pareggio non fosse abbastanza che dovessimo andare la e vincere solamente. Io ho detto certe cose e so il motivo per il quale le ho dette ma voi dovete essere obiettivi. Che abbiamo fatto meno bene delle altre volte è vero, ma non è che il Bologna ogni partita debba far venti tiri in porta e che se non li fa significa che sia in crisi."

Destro come sta?

"Ha recuperato, non più problemi e sarà disponibile ma non ha 90 minuti nelle gambe."

Domani mancherà Dijks, hai idee per sostituirlo?

"Non abbiamo troppe scelte. Abbiamo provato due scelte e vediamo stanotte il cuscino cosa ci dirà e cosa sarà meglio"

La sua spinta dell'Olandese è una sua caratteristica unica. Con la sua sostituzione può cambiare qualcosa anche nelle scelte davanti, tipo Sansone?

"Certe scelte sono obbligate ma non avevo pensato di cambiare qualcosa davanti. Mattiello ha recuperato e potrebbe servirci ma solo a gara in corso."

Cosa è stata per te la Samp prima da giocatore poi da allenatore?

"E' sempre casa mia, da giocatore sono andato la e sono stati quattro anni bellissimi nei quali ci siamo divertiti. Un rilancio che mi ha permesso di andare dove ho potuto allungare la mia carriera. Da allenatore ho pareggiato il mio debito facendo due buoni anni. Una mia parte della mia vita professionale dove sono stato molto bene."

Quanto è importante avere quattro partite su sei in casa?

"Potrebbe essere un vantaggio. Mi aspetto lo stadio pieno e che sosterranno i ragazzi. SE succedesse qualcosa che non va bene in campo mi aspetto che continuino a sostenerci. Spero che durante la partita li sostengano sempre aldilà di quello che succederà in campo."

Si è stupito che molte squadre della colonna di destra abbiano accelerato il ritmo?

"E' giusto che sia così. A parte la Juve che ha vinto prima di cominciare le altre sono tutte in lotta. Squadre che un mese fa si sentivano già salve oggi hanno quelle dietro quasi addosso e quando stacchi la spina è dura riattaccarla. Noi però dobbiamo guardare solo a noi stessi sapendo che possiamo giocarcela alla pari con tutti."

Ad Allegri non ha dato grandi vantaggi risparmiare i suoi giocatori contro la Spal...

"Quello è anche merito della gioventù dell'Ajax che gioca veramente bene. Vanno in campo per divertirsi e con la testa libera e questo è quello che vorrei anche dai miei giocatori. Entrare in campo e divertirsi. Più sono preoccupati e meno chances avremo di vincere."

Quagliarella?

"Ha 36 anni, mi ricordo che tempo fa ho parlato con lui e gli ho fatto i complimenti per il campionato precedente. Lui è molto bravo ma speriamo che domani non faccia goal e si prenda un turno di riposo ma dipenderà soprattutto da come lo marcheremo noi."

Ultima modifica il Venerdì, 19 Aprile 2019 10:23
Sara Melotti

Sarina per gli amici. Inviata multitasking, aspirante fotografa e giornalista.
Oltre alla passione per il Bologna ama la fotografia, lo sport in generale, i motori e gli animali.