Repubblica: Il nuovo Pulgar, ora anche capocannoniere

Scritto da  Apr 21, 2019

Nel suo articolo in uscita oggi su Repubblica Bologna, Luca Baccolini ci ricorda la trasformazione di Erick Pulgar. Ultimo regalo della gestione Corvino, il cileno arrivò nel 2015 al prezzo di 2,5 milioni di euro, e dopo quattro anni di lavoro è cresciuto e vale sicuramente almeno cinque volte tanto.

Maturazione lenta ma costante, quella di Erick, arrivata a compimento tra errori in campo, cartellini rossi presi con disinvoltura, tensioni con la dirigenza ed a volte anche con i tifosi. Non ultima la querelle sul contratto, arrivato dopo lunga trattativa con un prolungamento fino al 2022. Arrivato assieme a Diawara e bloccato dal talento guineano, Pulgar ha prima annaspato passando un anno tra le riserve, poi presosi una maglia da titolare l’ha difesa crescendo costantemente fino a quest’anno, dove abbastanza a sorpresa sono arrivati anche i gol, sebbene 5 su 6 siano giunti su rigore, nelle ultime sette partite il cileno ha raggiunto Santander in testa alla classifica marcatori del Bologna.

Dzemaili nel post partita ha avuto parole di grande elogio per Pulgar, dichiarando che è un piacere giocare a fianco a qualcuno con la sua qualità, e che la media punti stellare di queste ultime partite, sono merito di Mihajlovic e di Erick, oltre che del resto del gruppo. Ed in effetti nella prima parte di stagione il cileno aveva mancato oltre metà delle partite per scelta tecnica o per squalifica… una volta rimesso in pianta stabile a centrocampo, il Bologna si è ripreso.

Ultima modifica il Domenica, 21 Aprile 2019 07:25
Simone Zanetti

Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.