Stampa questa pagina

Il Resto del Carlino – Mercato Bologna: iniziano le prime manovre

Scritto da  Apr 30, 2019

Ora tocca al Bologna dare a Sinisa Mihajlovic le garanzie tecniche per trattenerlo e, per ora, ci sono già parecchi nodi da sciogliere.

Nicola Sansone ha già la soluzione a portata di mano fin da gennaio: arrivò dal Villareal in prestito con obbligo di ricatto per 8 milioni. Raggiunta la salvezza aritmetica, l’ex Sassuolo, potrà essere considerato un giocatore del Bologna. Dicono che valga lo stesso anche per Roberto Soriano, anche il suo prestito non prevede obbligo, ma solo diritto, sempre fissato a 8 milioni, e non a caso il ragazzo ha già fatto sapere di voler ripartire dal Bologna con il suo compagno.

Le situazioni di Riccardo Orsolini e Lyanco sono ben più complicate. Il numero 7 è di proprietà della Juventus e per riscattarlo ci vogliono 13 milioni; il Bologna ha già preso contatti con i bianconeri per tentare di trattare abbassando la cifra e pattuire un nuovo prestito con obbligo di riscatto a cifre similari ma con un controriscatto più alto come premio di valorizzazione. La Juventus, invece, punta a riportarlo in casa, anche perché Fiorentina e Roma gli hanno già messo gli occhi addosso. Difficile situazione quella di Lyanco Evangelista con il Torino: arrivò con prestito secco, pare destinato a rientrare, i granata lo comprarono per circa 8 milioni e ora lo valutano circa 15. Per Mihajlovic è un punto fermo e il Bologna proverà a trattare ma non sarà facile perché tra Orsolini e Lyanco ballerebbero circa 30milioni.

Tra i nodi c’è anche quello della potenziale uscita di Erik Pulgar. Il ragazzo ha un contratto in rossoblù fino al 2022, ma pure una clausola: qualora un club si presentasse con una cifra che aggira intorno ai 12milioni, il mediano sarebbe libero di andarsene. Milan e Roma hanno già fatto qualche sondaggio sul centrocampista, mentre Borussia Dortmund e diversi club della Liga sono alla finestra. In pericolo anche Mitchell Dijks, l’ottimo finale di stagione ha fatto calamitare le attenzioni di diversi club.

 

Rodrigo Palacio è in scadenza di contratto de deciderà solo a fine stagione quale sarà il suo futuro: le opzioni sono firmare un altro annuale, rientrare in argentina o cambiare aria, magari in un campionato meno impegnativo.  Mattia Destro invece è appeso allo stesso filo del diesse: se resta Bigon, la cessione è quasi scontata, alla luce della situazione contrattuale e al fatto che fu sul mercato sia l’estate scorsa che a gennaio. Santander potrebbe rimanere mentre Diego Falcinelli potrebbe partire in prestito, dal momento che il suo cartellino ha un valore di 10milioni. Edera è destinato a rientrare a Torino dal prestito.