Il Bologna strapazza il Parma (4 a 1) e la salvezza è a un punto

Scritto da  Mag 13, 2019

BOLOGNA - Il Bologna fa un enorme passo avanti verso la salvezza, strapazzando il Parma (4 a 1) e raggiungendo quota 40 punti, più cinque sull’Empoli.
Mihajlovic sostituisce lo squalificato Dijks con Kreicj a fare il terzino (buona prova per il ceko) e mette Destro punta centrale spostando Palacio a sinistra.
Dopo tre minuti si vede il Bologna che con una semi volée di Destro dentro area impegna decisamente Sepe che sventa a terra. Dopo neanche un minuto è Krejici ad avere un’occasione d’oro, ancora in area, ma il suo sinistro indirizzato sul secondo palo incontra nuovamente la mano di Sepe che devia ed evita il gol.
Passano pochi secondi e il Bologna ci riprova con Destro, stavolta da fuori area: il tiro ben partito non impegna eccessivamente il portiere gialloblù.
In questi primi minuti il Bologna appare molto arrembante e con una gran voglia d fare la partita. Tanto che al 9’ minuto il Bologna si avvicina molto al gol. L’opportunità ce l’ha Orsolini che entra in area e cerca la porta con il sinistro ma ancora una volta è un grande intervento di Sepe a salvare il Parma.
Ogni tanto la squadra di D’Aversa prova a punzecchiare la difesa rossoblù che, comunque, sin qui regge con eleganza.
Nel frattempo, al ventesimo, per la terza volta Bruno Alves arriva duro su Destro ma per l’arbitro è solo punizione.
Al 24’ Pulgar prova il suo tiro a rientrare dal corner: Sepe rispedisce in calcio d’angolo.
Alla mezz’ora, il tentativo da fuori area è di Dzemaili ma il pallone finisce lontano dalla porta avversaria.
Bologna vicino al gol questa volta al 33’ con inzuccata di Soriano che spedisce di poco fuori il pallone ben servito dalla sinistra da Palacio.
Finisce così la prima parte di gara sul risultato di 0 a 0 sebbene il Bologna abbia imposto gioco e avuto occasioni. Ma queste ultime non si sono trasformate in gol grazie anche a un’ottima prestazione di Sepe.
Inizia la seconda frazione e i rossoblù guadagnano un calcio d’angolo dopo una bella imbeccata di Dzemaili che serve in corsa Kreicj. Dalla bandierina non arriva però nulla per i colori di casa.
Ma è un aperitivo del vantaggio bolognese che arriva al 51’: scambio Pulgar-Dzemaili e, di qualità, il pallone arriva a Orsolini che con classe infila Sepe. 1 a 0 per il Bologna è punteggio giusto per quello sin qui visto in campo.
Prima vera occasione per il Parma al 55’ con un tiro da fuori area di Dimarco che incoccia sul fianco di Mbaye e manda il pallone esce in angolo.
Al 57’ Gervinho, appena ammonito per un fallo da dietro su Dzemaili lanciato in porta, manda palesemente a quel paese l’arbitro Pairetto che gli abbona la seconda ammonizione. Ma dalla punizione che ne scaturisce, il Bologna raddoppia grazie ad un tiro perfetto di Pulgar che trova anche un disattento Sepe mentre la palla scivola in gol. 2 a 0 dopo un’ora di gioco in cui il Bologna ha dimostrato sufficiente superiorità per ottenere questo punteggio.
La scena delle proteste si ripete al 61’ ma questa volta Pairetto non perdona Bruno Alves e lo spedisce negli spogliatoi. Parma in dieci.
Il Bologna va vicino al terzo gol con una saetta appena in area di Pulgar che obbliga Sepe al 65’ a un altro intervento impegnativo. Passano due minuti e Pulgar ci prova un’altra volta, ma da fuori area: il pallone è deviato in angolo da Bastoni. Pulgar è decisamente on fire, come si direbbe nel basket.
Al 69’ prosegue la maledizione per Palacio che ancora non è riuscito a segnare al Dall’Ara. Questa volta il tiro a botta sicura viene deviato dalla difesa, vicino alla linea di porta.
Ma il terzo gol arriva comunque: l’autore è Lyanco che, al 72’, colpisce perfettamente in area un corner dalla destra. 3 a 0 e partita virtualmente finita.
Al 76’ Bastoni anticipa sulla linea Santander, ben servito da Palacio. Due minuti più tardi è ancora il paraguaiano a girarsi bene in area: altro corner. Il Bologna e tutto lo stadio battono all’unisono. Ma a risvegliare i brividi ci pensa Inglese che conclude perfettamente un’improvvisa ripartenza dei gialloblù e accorcia le distanze all’80’. 3 a 1  e si riaccendono le flebili speranze del Parma.
Parma che evita il quarto gol un minuto più tardi grazie a Sepe che si getta a raccogliere il pallone togliendolo dai piedi da Santander. È ancora il Bologna che giostra il pallone, nonostante il gol subito.
Orsolini cerca il giro all’incrocio all’83’ ma il pallone esce di molto. Ci pensa però Sierralta, una manciata di secondi dopo, ad aiutare il Bologna: Pulgar conquista in area un rimpallo, favorito da un precedente tocco di Santander, e il difensore del Parma, cercando di evitare il tiro del cileno, lo anticipa ma manda la sfera in rete. 4 a 1 e tutto torna nella giusta dimensione.
Esordio in serie A per Corbo che Mihajlovic fa entrare al posto dell’applauditissimo Danilo all’86’.
Siligardi tenta di accorciare all’88’ ma viene fuori un tiraccio e la palla esce.
La palla va via scemando ma un allarme corre ugualmente in casa rossoblù per un risentimento muscolare di Orsolini che sarà da valutare.
La partita finisce sul 4 a 1 e il Bologna è a un punto dalla matematica salvezza.


BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo (86’ Corbo), Lyanco, Krejci; Pulgar, Dzemaili; Orsolini, Soriano (75’ Svanberg), Palacio; Destro (66’ Santander). All. Mihajlovic
PARMA (3-5-2): Sepe; Iacoponi, Bruno Alves, Bastoni; Gazzola (61’ Siligardi), L. Rigoni, Scozzarella, Sprocati (65’ Sierralta), Dimarco; Gervinho, Ceravolo (61’ Inglese). All. D'Aversa
Arbitro: Pairetto di Nichelino (assistenti Valeriani e Bottegoni; IV uomo: Baroni; Var: Rocchi, assistente Paganessi
Reti: 51’ Orsolini, 59’ Pulgar, 72’ Lyanco, 84’ Sierralta (aut)(B), 81’ Inglese (P)
Ammoniti: 32’ Dimarco, 35’ Rigoni, 57’ Gervinho, 61’ Bruno Alves, 69’ Scozzarella (doppia) (P), 47’ Soriano
Espulso: 61’ Bruno Alves per doppia ammonizione

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.