Stampa questa pagina

Resto del Carlino - Obiang il primo obiettivo

Scritto da  Giu 12, 2019

La prima notizia è che nelle prossime ore ci sarà la firma di Walter Sabatini, che non entrerà direttamente nel Bologna, ma nelle holding della famiglia Saputo, con presentazione non più tardi di venerdì.

La seconda: dopo il vertice di mercato di ieri, alla presenza oltre che del neocoordinatore in pectore (che lavora già da diverse settimane), del ds Bigon, dell'ad Fenucci, di Marco Di Vaio e del tecnico Sinisa Mihajlovic, sono state poste le fondamenta per i primi movimenti di mercato, al fine di delinare con chiarezza le strategie.

Il primo nome uscito dal summit? Pedro Obiang, così come scritto da Marcello Giordano sull'edizione odierna de Il Resto del Carlino; il 27enne in forza attualmente al West Ham, ma sul piede di partenza dopo l'ultima annata in chiaroscuro. Breve biografia del giocatore: della Guinea Equitoriale (di cui il nonno è presidente), ma con passaporto spagnolo (ha giocato nelle giovanili delle Furie Rosse, salvo poi accettare la convocazione nella nazionale africana), prelevato giovanissimo dalla Sampdoria, dove nel biennio 2013-2015 è cresciuto proprio sotto l'ala protettiva di Sinisa.

Centrocampista centrale con ottime doti fisiche, costa sugli 8-10 milioni, una cifra certo importante, a cui vanno aggiunti i circa 2 milioni (netti) chiesti dal giocatore, che a gennaio aveva richieste da Fiorentina e Roma; ma il Bologna non si ferma qua, e sempre in casa West Ham, mostra interesse per Angelo Ogbonna, già cercato nell'ultima sessione invernale.

Paghi uno e prendi due? Posto che gli Hammers non faranno i sconti, il Bologna di Sinisa ha comunque tutta l'intenzione di riportare la coppia di giocatori nel campionato italiano, certo a cifre ragionevoli. Nel frattempo, a Casteldebole si tengono aperte anche altre piste: come quella che porta a Cristian Zapata, in scadenza col Milan, ma ambito all'estero. E poi i vari sudamericani, sulla scia della felice esperienza con Lyanco: ovvero gli ormai evergreen Lucas Verissimo e Marcos Senesi (con offerta, per quest'ultimo, già fatta recapitare al San Lorenzo).

Conclusione sull'attacco: oggi si discuterà per il rinnovo annuale di Rodrigo Palacio, mentre interessano Inglese, Defrel e Zaza. E sempre di un'attaccante (seppur ex) si tratta, quando si parla di Filippo Inzaghi: che nelle prossime ore potrebbe legarsi al Benevento, facendo risparmiare al Bologna una cifra vicina ai 700mila euro. Per questo, da Casteldebole, sperano in una fumata bianca.

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Giugno 2019 08:08
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.