Stampa questa pagina

Calciomercato Bologna - Si complica Kouamè. Si punta Defrel

Scritto da  Giu 22, 2019

L’entusiasmo dato dalla permanenza di Mihajlovic sulla panchina del Bologna non è ancora finito e questo si traduce in un clima molto positivo attorno alla società felsinea e in un calciomercato subito molto scoppiettante, grazie alla classe di Walter Sabatini, nuovo dirigente petroniano.
I primi colpi del Bfc sono stati innanzitutto il riscatto di Roberto Soriano e Nicola Sansone dal Villarreal e l’acquisto a titolo definitivo di Riccardo Orsolini dalla Juventus. Solo queste tre operazioni sono costate circa una quarantina di milioni al presidente Joey Saputo, il quale però è voglioso più che mai di raggiungere l’Europa.
I rossoblù saranno privati di Lyanco, giocatore impossibile da trattenere sotto le Due Torri, poiché il Torino lo valuta ben 30 milioni e il Bologna prelevò il brasiliano a gennaio senza però assicurarsi il diritto di riscatto.
Bigon e Sabatini si sono però già mossi anzitempo per sostituire il centrale e sono in arrivo due difensori: Takehiro Tomiyasu dal Sint Truiden e Mattia Bani dal Chievo Verona. Per entrambi si attende solamente l’ufficialità.
Ovviamente Bigon e Sabatini hanno in mente di ritoccare un po’ tutti i reparti della squadra, compreso il centrocampo, dove l’obiettivo è Gerson. Il ragazzo fu portato dalla Roma proprio da Sabatini e dopo una esperienza non troppo fortunata alla Fiorentina, Bologna potrebbe essere la piazza giusta per il suo rilancio. I felsinei stanno cercando di chiudere l’affare con i giallorossi sulla base di un prestito con diritto di riscatto a 10 milioni. Nelle ultime ore va registrato l’inserimento del Genoa, anche se il Bfc appare in vantaggio, forte dei buoni rapporti tra Gerson e Sabatini.
Secondo l’esperto di calciomercato Alfredo Pedullà, l’alternativa al brasiliano ex viola sarebbe Pedro Obiang, valutato 9 milioni di sterline dal West Ham.
Difesa e centrocampo saranno ritoccati, ma la rivoluzione potrebbe arrivare in attacco. Sia Federico Santander che Mattia Destro potrebbero lasciare il capoluogo emiliano, anche se il paraguaiano è forte della fiducia della società. L’ex Roma potrebbe ricevere l’ultima chance da Sinisa Mihajlovic, anche se tutto verrebbe messo in discussione di fronte all’eventuale arrivo di Roberto Inglese. L’attaccante è l’obiettivo numero uno del Bologna, ma se la valutazione di 30 milioni da parte del Napoli non dovesse scendere, la trattativa cesserà di esistere.
Il grande rinforzo potrebbe invece arrivare sulle fasce. Il Bfc infatti era molto vicino all’acquisto di Christian Kouamè. Diciamo “era” poiché il presidente del Genoa Enrico Preziosi, che valutava Kouamè 15 milioni di euro, ha alzato le pretese a 20. Per il Bologna, che arrivava ad offrirne 12, la pista si fa decisamente più complessa, a meno che non si tratti di una strategia dei liguri per racimolare qualche milione i più dagli emiliani. Bigon e Sabatini hanno già pronta l’alternativa, che si chiama Gregoire Defrel. Nella giornata di ieri c’è stato un incontro tra il Bologna e la Roma, proprietaria del cartellino del ragazzo, per discutere i termini dell’affare. Non c’è ancora nulla di avanzato, ma di certo le basi per arrivare alla fumata bianca ci sono tutte.
Nel frattempo, l’Atalanta aveva ingolosito Rodrigo Palacio con una buonissima offerta e con la possibilità di giocarsi la Champions League il prossimo anno. Dopo qualche giorno di riflessione, però, l’ex Inter ha sciolto le riserve e ha scelto di restare a Bologna e di rinnovare per un’altra stagione. Il classe 1982 si è mostrato un uomo di parola, dando la precedenza al Bfc, con il quale aveva già una intesa.
Il calciomercato del Bologna si sta infiammando giorno dopo giorno.

Davide Mariani

Tifo Bologna, amo il calcio, il tennis ma anche la musica!