BOLOGNA - Presentazione LIVE delle nuove maglie

Scritto da  Lug 02, 2019

Martedì 2 luglio, ore 10: presso la sala conferenze della sede di Lavoropiù, nel cuore del Centro Storico, vengono presentate le nuove maglie per la stagione 2019-2020. Presenti per la società Claudio Fenucci e Cristoph Winterling.

Introduce il direttore generale di Lavoropiù, Rudy Parracino "Per noi esser presenti sulla maglia del Bologna è il coronamento di un percorso esaltante, cominciato dodici anni fa; allora fatturavamo 30 milioni di euro, oggi 155, grazie a questa crescita possiamo permetterci questo sogno. Ringrazio i miei colleghi. Siamo leader del mercato a Bologna, confidiamo in una crescita continua, abbiamo arricchito la nostra struttura organizzativa, siamo felici. Ringraziamo il Bologna per l'opportunità, concludo dicendo che tutto ciò ha un forte significato simbolico, perchè dodici anni fa per noi, essere presenti sui campi di serie A, era poco più che una chimera".

Claudio Fenucci "Siamo molto contenti di questa partnership, che abbiamo ormai da molto tempo; quest'anno trova la sua massima espressione sulla maglia, l'anno scorso la Lega Calcio ha consentito di porre il terzo logo sulla manica, abbiamo accolto con piacere un'altra azienda del tessuto economico emiliano, che guarda come noi oltre i confini regionali; l'obiettivo come ripetuto spesso è di unire i successi sportivi a quelli commerciali, che diano più visibilità al progetto Bologna. Siamo qui per iniziare la stagione, quindi presentare l'accordo con Lavoropiù, ma anche concomitante con questo abbiamo messo online le nuove maglie, la prima e la seconda, che rispecchiano la tradizione. E' l'anno del compleanno numero 110, la prima maglia ha pochissimi cambiamenti, qualche ritocco che si fa di anno in anno. E' partita ieri la campagna abbonamenti, ringrazio i tifosi per esser stati affianco alla squadra l'anno scorso, abbiamo condiviso l'entusiasmo finale, è stato bello, Bologna c'è e ci sarà sempre, mai titolo fu più azzeccato. E' la partenza ufficiale della stagione, questa settimana tornano tutti i calciatori, nella seconda fase in Austria faremo amichevoli con squadre tedesche e probabilmente andremo a chiudere il periodo di ritiro con amichevole ad Augsburg, città natale di Helmut Haller, uno dei protagonisti dell'ultimo scudetto.

Matteo Naldi "Ringrazio il dottor Fenucci e il dottor Winterling, abbiamo cominciato con una sponsorizzazione piccola, abbiamo implementato il nostro investimento, ci sono stati anche momenti molto bui, ma siamo rimasti sempre sulla barca, dal 2015 abbiamo iniziato a fornire hostess e stewart nelle zone di ospitalità, come ha detto il direttore generale siamo un punto di riferimento in Emilia Romagna ed esssere su una maglia così gloriosa è un successo stratosferico. 25 maggio 2008: ero a Mantova con un caldo del genere, vado allo stadio da quando sono piccolo, ma in quel momento, quando ho visto quella marea di persone (eravamo in serie B), se torniamo in serie A, mi dico, devo fare di tutto per convincere l'azienda a unire il suo marchio con quello del Bologna. A questo punto, ringrazio Dino Fava per quel goal. Questo non è un punto di arrivo, possiamo fare sempre di più, ma è un grandissimo traguardo."

Winterling: "Grazie a Lavoropiù per essere al nostro fianco da dodici anni, che nel nostro settore è un periodo immenso. 16 allenatori, 8 presidenti: in termini calcistici è un tempo immenso. Ma questo vuol dire avere fiducia nella società e amare questi colori. La scelta di Lavoropiù è la scelta migliore, perchè è un'azienda che ama questi colori e ci sembrava la scelta migliore, assieme a Macron, Liu Jo e Illumia, che ringrazio a loro volta per la fiducia. Lavoropiù per noi è più di un sponsor, è un partner, che ci fornisce hostess, stewart, ci fornisce tutto il personale di cui abbiamo bisogno quando organizziamo gli eventi allo stadio durante la settimana, istituzionali o meno. Lo stadio vive sempre di più anche durante la settimana. Mi sarebbe piaciuto anche assumere Matteo Naldi, che è un grande attaccante, ma ha chiesto un ingaggio troppo alto, Sabatini e Bigon non hanno voluto (ride)."

Sulle maglie "Richiedono un anno di lavoro e Macron è riuscita a soddisfare le nostre richieste. Quando approccio questo lavoro parto da ispirazione: in questo caso le maglie del Centenario. C'è una riga in più centrale (da quattro a cinque), più larghe rispetto al Centenario, ma rispecchiano nostra tradizione e storicità, nel Centenario ci ispirammo alle maglie in voga negli Anni Trenta, e li riprendiamo anche per il centodecimo. Nel dettaglio, c'è una parte 3d ologrammata al suo interno, nella parte bianca c'è la scritta 110, che si può vedere se ci si muove da destra a sinistra. Le altre novità sono sul retro: la scritta Bologna fc 1909 sostituita da We Are One, e la parte che ospita nome, numero e sponsor, è una finestra completamente rossa, per dare più risalto alla lettura dei nomi e dei numeri dei nostri giocatori. Calzettoni rossoblù e pantaloncini. La nostra intenzione è che possano essere intercambiabili, a seconda dell'avversario. Quella da trasferta ha stessa ispirazione, banda rossoblù interrotta per dare risalto al nostro sponsor, particolarità è pattern di fondo, già vista in collezione training, rispecchia un po' dal punto di vista commerciale un approccio nuovo e diverso sui nostri prodotti; in questo caso, nomi numeri e sponsor sono in blu, il pantaloncino è sempre blu, il calzettone bianco con dettagli rossoblù. C'è dietro un lavoro lungo un anno, spero che i tifosi le accolgano bene. Sulla maglia del portiere: verranno lanciate contemporaneamente, grigia la prima (si riepte anche nei dettagli), nella versione away completamente nero. Poi altra colorazione del portiere arancio fluo, a seconda di che squadre si incontra.

Si parla poi di mercato: quanti volti nuovi al raduno di giovedì?

"Alcune trattative vanno definite, e c'è un tema che ci sta facendo ragionare, il parlamento ha approvato il Decreto Crescita, dove ci sono alcune modifiche della fiscalità per i giocatori esteri, facciamo fatica a capire in breve tempo quali saranno i meccanismi di applicazione, ci sono alcuni elementi che stanno rallentando la conclusione delle operazioni.

Obiettivo di campagna abbonamenti in termini numerici. E dal punto di vista del marketing Tomiyasu?

"Non fissiamo obiettivi, vogliamo far meglio dell'anno prima, le condizioni economiche sono rimaste invariate, anche in presenza di investimenti importanti fatti dalla società volevamo mantenere i prezzi invariati per favorire accesso allo stadio. Tomiyasu è venuto a Bologna direttamente dal Brasile, dove stava giocando la Copa America, perchè voleva conoscere la città, il luogo dove lavorerà l'anno prossimo. E' tornato poi in Giappone per riflettere sull'offerta: col club siamo d'accordo, rimane solo limare i dettagli con l'entourage del giocatore. So cosa significa portare un giapponese in Italia, oggi tanti ragazzi vengono a giocare dall'Oriente in Italia, l'effetto marketing non è forte come nel passato, ma il nostro settore si adopererà per fare il meglio, parliamo di un giocatore che è già pilastro della nazionale giapponese, anche in ottica Tokyo 2020. Su Pulgar: sono in contatto col rappresentato italiano dell'agente, vogliamo definire la sua posizione, è molto complesso spostare la causa, speriamo che rimanga con noi non esercitando la clausola.

Santander va in Cina?

"Ho sentito di questo interessamento, ma il ragazzo sta bene a Bologna, al momento non c'è alcuna trattativa, anche perchè abbiamo due attaccanti di ruolo in quella posizone, tre quando firmeremo il rinnovo con Rodrigo, nel caso di cessione uno prima dovremo capire come sostituirlo, Federico viene da una buona stagione, bisogna capire in che modo possa essere sostituito.

De Rossi?

"Lo conosco da tempo: gli ho consigliato di non vestire alcun'altra maglia italiana. La trattativa non è mai nata"

A fine mese sono attese novità per lo stadio...

"Andremo in Comune per partire con l'iter, penso che i tempi saranno rispettati."

Skov Olsen

"La concorrenza è fortissima, il ragazzo è un talento, ma siamo in competizione con tanti altri club, che fanno Europa League e Champions. Abbiamo le nostre armi per convincerlo, ci proveremo fino alla fine"

Schouten

"Non so se giovedi ci sarà, ma è il più vicino alla firma del contratto. Gli accordi sono già presi, vanno solo formalizzati. Anche lui l'hanno cercato in diversi".

Sulla Coppa Italia

"L'Atalanta ha fatto una stagione incredibile, non è nella mentalità del nostro allenatore e del club quella di snobbare gli appuntamenti. Partiamo con la certezza che la Coppa Italia è un obiettivo, è certo anche un sogno, ma che va perseguito. Da questo punto di vista non ci sarà alcun calo di tensione e interesse, anche perchè in termini di sponsor e ascolti ha raccolto più audience della finale di Champions".

Kouamè? E dal Palermo arriva qualcuno?

"Kouamè interessa a molti, ma noi davanti al momento stiamo a posto, non parteciperemo ad alcuna asta. Del Palermo ad oggi non ci interessa nessuno, mentre sulle cessioni vediamo: c'è un limite di giocatori nei tesseramenti, qualcuno potrebbe uscire".

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Martedì, 02 Luglio 2019 10:52
Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.