Stampa questa pagina
Blerim Dzemaili Blerim Dzemaili Bologna FC

Bologna, Dzemaili: "Pulgar è forse il giocatore più importante, nelle altre squadre sarebbe uno dei tanti"

Scritto da  Ago 01, 2019

Ha parlato Blerim Dzemaili direttamente dal ritiro di Neustift ai microfoni di Sky Sport, sulla situazione attuale del Club, sui nuovi acquisti, su Mister Mihajlovic e sul futuro di Erick Pulgar.

Si parte sulla lingua parlata dalla squadra, resa sempre più internazionale dopo gli ultimi acquisti di questa finestra di mercato: “Si parla italiano perché tutti parlano italiano, però cerchiamo di aiutare i nuovi con l’inglese. Tutti lo capiscono e siamo sulla strada giusta: i nuovi si sono messi subito a disposizione e stiamo andando bene”.

Un Bologna che ha cominciato il ritiro austriaco con una sconfitta, per 3 a 1, contro il Colonia. Un match che ha fatto arrabbiare e non poco Sinisa Mihajlovic: “Il mister era un po’ arrabbiato, soprattutto per l’atteggiamento del primo tempo. Il mister ci ha sempre detto che la cosa più importante è l’atteggiamento. Si può perdere o vincere, ma l’atteggiamento deve sempre essere quello giusto”. Poi Blerim continua su Sinisa: “Ogni tanto parla con noi, è importante avere questo legame con lui, è una situazione particolare, ma lo staff sta facendo un grande lavoro e noi giocatori ci stiamo mettendo tutti a disposizione”.

Mettersi a disposizione per un Bologna che potrebbe puntare a una posizione di classifica importante, anche se Dzemaili preferisce pensare passo dopo passo: “Gli ultimi 5 mesi sono stati un miracolo, perché dal primo giorno siamo andati dietro al mister: un gruppo così non l’avevo mai visto. Arrivare decimi poi era una cosa fuori dai pensieri di tutti. Si riparte da zero e fissarsi gli obiettivi in partenza non è giusto”.

Si conclude parlando di Erick Pulgar, arrivato ieri – in anticipo di due giorni – in ritiro: “Con lui non abbiamo parlato di mercato. E’ un giocatore importante, però se hai un’offerta da altre squadre le guardi alla sua età. Lui è il giocatore importante, forse il più importante, ma nelle altre squadre sarebbe uno dei tanti, e deve essere consapevole di questo. Lui ha fatto un grande girone di ritorno, e una grande Coppa America. Ha mercato ma è una cosa che deve definire lui con la società”.

Davide Centonze

Appassionato di calcio e soprattutto tifoso rossoblu. Attualmente frequentante il corso di scienze della comunicazione con il sogno di diventare giornalista sportivo.