Il Resto del Carlino: Hellas-Bologna, Denswil confermato. Tomiyasu in ballottaggio con Mbaye Davide Centonze

Il Resto del Carlino: Hellas-Bologna, Denswil confermato. Tomiyasu in ballottaggio con Mbaye

Scritto da  Ago 23, 2019

Prova del nove domenica, ore 20.45, al Bentegodi per la formazione rossoblù. Esordio stagionale in campionato contro l’Hellas, con i ragazzi di mister Sinisa Mihajlovic intenzionati a ripagare il tecnico serbo del lavoro svolto a Casteldebole e -più in generale, la società e i tifosi tutti- circa le aspettative per questa nuova stagione.

Obiettivo: ripartire da dove si era rimasti cercando al contempo di vincere, convincere e divertire. Come ben ricorda Marcello Giordano sulle pagine del Resto del Carlino, l’ossatura della squadra è praticamente rimasta intatta. Unici due volti nuovi Denswil e Tomiyasu, entrambi neo acquisti di questo calciomercato estivo. Ambedue accomunati dalla militanza trascorsa nel campionato belga (rispettivamente Bruges e Sint Truiden), nonché pagati la stessa cifra dalla società felsinea (7 milioni). 

Il primo scenderà quasi certamente in campo, in difesa, andando a sostituire Lyanco e posizionandosi di fianco a Mbaye. Lo staff tecnico rossoblù ha sin da subito puntato sul difensore olandese concedendogli spazio in allenamento, nelle prime amichevoli estive ed in Coppa Italia. E il giocatore stesso non ha deluso le aspettative; seppur partito con qualche incertezza iniziale è via via migliorato anche grazie alla comunicazione avuta con Dijks, sua guida e traduttore nel percorso di inserimento nonché vecchia conoscenza ai tempi dell’Ajax.  

Tomiyasu invece è ancora in ballottaggio con il compagno di reparto Mbaye, anche se il giovane calciatore di Fukuoka si è reso protagonista di un progressivo cammino di maturazione mostrato fin qui lungo tutto il ritiro estivo. 

Per questo motivo Tomiyasu potrebbe aver già scavalcato Mbaye nelle gerarchie di reparto; nessuna sorpresa, dunque, se domenica sera dovessimo vederlo partire titolare sulla destra. Il giapponese ha soddisfatto Mihajlovic nella partita di Coppa Italia contro il Pisa: automatismi, comunicazione e una buona dose di intraprendenza personale. Qualità cui il tecnico serbo presta grande attenzione, come del resto la fisicità e la pericolosità su palle inattive -altro argomento caro a Sinisa- che hanno portato il nipponico a segnare contro il Villareal e dote della quale, tuttavia, anche lo stesso Mbaye è dotato. 

La difesa rimane, ad oggi, l’unica variabile di mercato. Specie se Dzemaili dovesse trovare posto in mediana a fianco di Poli andando così a sostituire Pulgar.

Marco Carlotti

Parlo di calcio con la consapevolezza che esso é, come diceva Pier Paolo Pasolini, un «sistema di segni»: ovvero una lingua, sia pure non verbale