Hellas Verona – Bologna: le parole di Sansone e Orsolini in mixed zone

Scritto da  Ago 26, 2019

Nicola Sansone ha commentato così il match contro il Verona: “Sinisa Mihajlovic ce lo aveva promesso che per la prima di campionato sarebbe stato in panchina. Alla fine non ci aveva più detto niente e si è presentato. È stata una bellissima sorpresa. E’ mancato il secondo gol, dopo 1-0 avevamo il controllo del match e avremo dovuto chiuderla prima. Fisicamente stiamo bene, il Verona ha giocato molto basso, si è messo a muro. Troppo difficile creare degli spazi, sarebbe stato meglio giocare 11vs11. Al di la del risultato, penso sia stata una buona partita. Avremo dovuto far girare più velocemente la palla. Rigorista? Non sono io, oggi mi sono preso la responsabilità di tirarlo ma molti sono in grado di batterli. La dedica va a mia moglie, mia figlia e al mister. Purtroppo, dopo il match non abbiamo parlato con Sinisa perché è dovuto tornare in ospedale.”

Anche Riccardo Orsolini ha parlato ai microfoni della mixed zone: “Partiamo dalle cose positive: siamo contenti della presenza del mister, è un segnale importante che ci ha dato. Ci ha trasmesso grandi valori, forza, coraggio e continua a darci insegnamenti di vita importanti. Potevamo prenderlo come stimolo positivo e portarlo in campo ma non ce l’abbiamo fatta fino in fondo. E’ mancata la finalizzazione, l’ultimo passaggio. Peccato perché meritavamo la vittoria, poi loro hanno difeso molto bene e si sono chiusi a muro. Troppo difficile filtrare, ho provato con dei cross a passare ma non ha funzionato. Ripartiamo da qui, pensiamo già alla SPAL. Nessuno sapevamo di Sinisa, bellissima sorpresa. All’inizio mii ha ripreso per dirmi di parlare di più con tomy, facciamo ancora fatica a livello comunicativo ma ci stiamo lavorando! Lui ha fatto il solito discorso, ci mancava la sua presenza. Sta sera torniamo a casa arrabbiati, sono due punti persi!”