foto RestodelCarlino foto RestodelCarlino

Magnifico Bologna: 4 a 3 a Brescia

Scritto da  Set 15, 2019

BRESCIA - Il Bologna approfitta di un’ingenuità del Brescia e ribalta  magnificamente il risultato del Rigamonti: 3 a 4 e rossoblù imbattuti alla terza di campionato.

La squadra di Mihajlovic ritrova Palacio al centro dell’attacco mentre è Mattia Bani a sostituire l’infortunato Danilo. Aye e Donnarumma, nel Brescia, titolari al posto di Balotelli e Torregrossa.

Dai primi minuti è il Bologna che cerca di costruire mentre la squadra lombarda sembra più attendista è pronta alle ripartenze. È comunque di Dzemaili il primo tiro in porta ma la conclusione, giunta al 6’, è facile preda di Joronen.

Bella giocata due minuti più tardi ma l’appoggio di torre di Palacio per Orsolini non arriva al sopraggiungente attaccante rossoblù e l’azione sfuma.

Tuttavia al 10’ è la squadra di Corini che passa in vantaggio grazie a Donnarumma che svetta di testa su Denswil e incrocia in rete per il gol bresciano. Incolpevole Skorupski, 1 a 0.

Si riprende Denswil al 13’ impedendo, con un buon intervento a terra, il raddoppio dei padroni di casa, dopo un tiro dentro l’area. Il Bologna è scosso e non trova una reazione efficace.

In questo stato di confusione, i rossoblù subiscono anche il secondo gol al 19’. Ancora una volta è Donnarumma che, ben servito in area da Mateju, controlla e infila sul palo lungo, beffando nuovamente Skorupski. 2 a 0 in meno di venti minuti e Bologna annichilito.

Al 22’ ci prova Bisoli da fuori area, lambendo il palo alla sinistra di Skorupski.

Intorno alla mezz’ora, i rossoblù cercano di aumentare la pressione in area avversaria ma la difesa bresciana riesce ad essere sempre attenta e per il Bologna diventa difficile trovare spazi.

Al 33’ l’occasione capita sul sinistro di Orsolini ma la conclusione a giro da dentro area si allarga e non incrocia lo specchio.

L’aumento di aggressività, favorisce la squadra di Mihajlovic che accorcia le distanze  al 35’; il colpo vincente è una testata di Bani in area ben imbeccato da una punizione di Orsolini dalla trequarti. Rocchi vuole essere sicuro su una eventuale posizione di fuorigioco di un rossoblù al momento del cross in area, ma nulla palesa infrazioni e gol valido. 2 a 1 e il Bologna riapre la partita.

Il Brescia guadagna il primo angolo al 41’ ma è letale. Il pallone viene scodellato in area e Cistana anticipa Soriano che andava a chiudere e colpisce ancora la rete difesa da Skorupski. 3 a 1 e per i rossoblù si fa complicata.

Sansone ci prova al 45’ con un tiro al volo in area ma la palla esce senza creare pericoli.

Si chiude la prima frazione di gioco e per la prima volta in campionato i rossoblù non sembrano trovare il bandolo della matassa: cambiare la situazione sarà impegnativo.

Nel secondo tempo, il Bologna retrocede di ruolo sia Palacio che Soriano, facendo entrare in campo Santander al posto di Dzemaili. Ora Palacio gioca alle spalle del paraguaiano e Soriano sulla linea con Medel.

Al 48’ una possibile svolta: Dessena simula in area e viene ammonito ma, essendo al suo secondo cartellino giallo, è costretto a uscire dalla partita. Il Bologna ha la chance di giocare per un tempo in superiorità numerica.

Per il Bologna, entra Poli al posto di Bani (colpito durante il gioco) e Medel retrocede a fare il centrale di difesa con Denswil.

Al 56’ la squadra di Mihajlovic accorcia ancora le distanze con un tocco sotto porta di Palacio assistito da Orsolini. Rocchi ancora al colloquio col Var per una sospetta posizione di fuorigioco di Orsolini, in partenza d’azione. Anche in questo caso, nessuna infrazione. 3 a 2 e partita ancora aperta.

Bologna ancora in pressione e conquista un calcio d’angolo al 59’. Il pallone viene smanacciato da Joronen ma Denswil è lesto e riporta in equilibrio la partita con un gol di rapina. 3 a 3 e la partita torna in assoluto equilibrio.

Clamoroso un minuto più tardi: Santander ha l’occasione per passare addirittura in vantaggio ma Santander, lanciato in contropiede, sbaglia l’impatto con la sfera che esce evitando pericoli alla difesa lombarda.

Ancora il Bologna ad un passo dal gol al 70’ ma questa volta Palacio spara alto un pallone capitatogli tra i piedi, a pochi metri dalla porta avversaria.

All’80’ la partita è capovolta: Palacio dalla trequarti pesca magnificamente Orsolini che in volée insacca il quarto gol rossoblù: 3 a 4 e il Bologna approfitta perfettamente della superiorità numerica.

Ci prova poi Sansone all’86’ ma il pallone incrocia largo. All’89’, Tanjiga cambia Palacio con Skov Olsen.

Miracolo di Joronen al 90’ su Sansone a tu per tu con il possibile quinto gol.

Negli ultimi minuti i rossoblù hanno più di un’occasione ma non riescono a dare il colpo definitivo. Clamoroso Santander al quinto di recupero che spara alto da buona posizione in area.

Finisce il match e il Bologna soffre ma con grande coraggio e un po’ di fortuna ribalta il risultato al Rigamonti: 3 a 4.

 

 

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Chancellor, Cistana, Mateju; Romulo (84’ Matrimoni), Tonali (78’ Spalek), Bisoli; Dessena; Aye, Donnarumma (63’ Zmrhal). All. Corini

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Bani (53’ Poli), Denswil, Dijks; Dzemaili (46’ Santander), Medel; Orsolini, Soriano, Sansone; Palacio (89’ Skov Olsen). All. Mihajlovic

Arbitro: Rocchi di Firenze (assistitenti Baccini e Pagnotta; IV uomo Massimi; VAR Piccinini, assistente Galetto).

Reti: 10’, 19’ Donnarumma, 42’ Cistana (Br), 35’ Bani, 58’ Palacio, 59’ Denswil, 80’ Orsolini (B)

Ammoniti: 12’ Bani, 45’+2’ Denswil, 66’ Santander, 68’ Soriano, 83’ Medel, 90’+3’ Skov Olsen (B), 20’ Dessena, 48’ Dessena (Br)

 

Espulsi: 48’ Dessena (Br)

 

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.