Bologna Primavera, con la Samp tocca vincere! Michael Mucci

Bologna Primavera, con la Samp tocca vincere!

Scritto da  Ott 19, 2019

Finalmente riprende il campionato di Primavera. Oggi, ore 15, siete tutti invitati presso il Campo Biavati per assistere all’incontro che si disputerà tra Bologna e Sampdoria. 

La squadra di Troise ha approfittato della pausa Nazionali per riposare. Seppur inattivi temporaneamente, i rossoblù si sono allenati duramente per tutta la settimana. 

La formazione riparte dalla sconfitta — 2 a 0 — subita a Roma. Nella partita al Tre Fontane la battuta d’arresto era stata causata da una serie di fattori non di poco conto: la concretezza sotto porta di D’Orazio e Zalewski, il genio del neo acquisto Providence — ex PSG — perenne spina nel fianco per la compagine felsinea e l’espulsione di Boloca per fallo in area di rigore ai danni di Darboe (che ha poi sbagliato dagli undici metri).

Forti dei dovuti accorgimenti tenico-tattici, la squadra capitana da Leonardo Mazza troverà quest’oggi davanti a sé una Sampdoria a una sola posizione di distanza in classifica. Invero, dati alla mano, rossoblù e blucerchiati condividono il medesimo punteggio — 6 punti totali —benché i genovesi siano noni e i bolognesi decimi. 

Una ipotetica vittoria farebbe ottenere a Troise tre punti assai preziosi in ottica campionato, sfruttando la sconfitta di ieri della Lazio (2-0 contro la capolista Atalanta) e sperando al contempo in un Derby del Sole a sfondo partenopeo nonché che la Fiorentina possa cadere nell’ordita trama di insidie tessuta dal Chievo Verona di Mandelli

La compagine di Marcello Cottafava ha finora condotto un campionato abbastanza altalenante (come, del resto, i felinsei): ha vinto la prima contro i clivensi, perso contro Atalanta e Pescara, e trionfato nuovamente sulla Lazio di Menichini. É lecito pensare che i liguri siano intenzionati a tracciare un percorso di continua stabilità; il cui punto d’inizio potrebbe essere individuato proprio nella sfida di quest’oggi contro il Bologna. 

Contro i laziali la partita è stata caratterizzata da iniziale vantaggio bianco celeste nel primo tempo regolamentare grazie all’incornata di Ndreka su cross di De Angelis (38’). I doriani tuttavia incassano facilmente il colpo e rispondono con una finezza di D’amico il quale, con un elegantissimo tiro a giro di destro, ipnotizza Alia che può solo restare a guardare. 

Ad inizio ripresa la Sampdoria si posiziona sul terreno di gioco con una mentalità totalmente differente e un atteggiamento marcatamente propositivo e risoluto: la parola d’ordine è vincere. Al 47’ infatti una prodezza di Pompetti lascia spiazzata la difesa capitolina che, per il resto della gara, fatica non poco a contenere le incursioni avversarie. 

Analizzando i precedenti statistici, è molto probabile che Cottafava propenderà per la scelta del modulo 3-4-3 il quale, finora, ha messo in luce la pericolosità offensiva blucerchiata. A dimostrazione di ciò, nelle due vittorie registrate la squadra ha assunto tale disposizione, mentre contro l’Atalanta e Pescara il tecnico aveva optato per due differenti sistemi di gioco: un 4-3-3 nel primo caso, 3-4-1-2 nel secondo. 

Lo stesso Troise ha trovato la vittoria contro il Chievo Verona usufruendo del 3-4-3; sarà quindi interessante vedere se i due allenatori schiereranno a specchio le proprie formazioni. 

Dopo la Samp, sarà la volta, per la sesta giornata, fuori casa, dell’Inter di Armando Madonna — attualmente secondo in classifica — che oggi, alle undici, affronterà il Genoa — terza a quota dieci punti. Il match si preannuncia interessante. Il 30 ottobre, infine, Troise e i suoi saranno impegnati contro il Sassuolo nel secondo turno di Coppa Italia. 

Intanto, nella giornata di ieri, il Pescara di Legrottaglie ha battuto in rimonta la Vecchia Signora per 3-1.

 

Marco Carlotti

Parlo di calcio con la consapevolezza che esso é, come diceva Pier Paolo Pasolini, un «sistema di segni»: ovvero una lingua, sia pure non verbale