Bologna, conferenza stampa pre Sampdoria

Scritto da  Ott 26, 2019

De Leo e Tanjga presentano la sfida con la Samp. Con loro anche Soriano.

Emilio, inizia un trittico di partite complicato, che domenica vi aspettate?

"Ranieri è riuscito immediatamente a trovare gli equilibri di cui la Samp ha necessità. Ci aspettiamo un 4-3-1-2, ma al di là del sistema di gioco troveremo una squadra equilibrata e compatta. Ci vuole un po' di intraprendenza da parte nostra. Dobbiamo vincerla".

Mister Tanjga, quanti punti nelle prossime tre?

"Ci mancano tre-quattro punti nelle ultime partite, spero di recuperare dei punti nelle prossime partite, spero di fare qualche punto in più. Penso che non dobbiamo preoccuparci, i punti arriveranno in futuro. E' sempre molto difficile vincere una partita in serie A. Speriamo di conquistare tre punti nella prossima, guardiamo partita dopo partita. Arriverà sicuramente il momento che tutte le occasioni sprecate che abbiamo avuto saranno realizzate".

Roberto, hai tirato molto, ma sbagliato tanto. Domani incontri la tua ex squadra...

"Se domani segnerò sarò contento, per il resto faremo la nostra partita come abbiamo sempre fatto, che sia una big o meno. Abbiamo costruito una buona mentalità in questi mesi, è mancato il goal sotto porta, anche per colpa mia. Ora dobbiamo vincere, siamo tutti importanti in squadra. Ci saranno tante partite nei prossimi giorni, ci stiamo allenando bene. L'importante è l'obiettivo, che dev'essere il gruppo. Stiamo uniti e pensiamo ai tre punti, non al singolo".

De Leo e Tanjga, un allenatore in questi momenti cosa deve dire?

DE LEO "Dobbiamo essere garanti della linea tecnica indicata dal mister, da una parte sappiamo come ha detto Miro che dobbiamo mantenere la nostra linea tecnica, che ci porta a migliorare in termini di personalità di giocarcela con tutti. Anche nell'ultima gara con la Juve si è visto questo. Dall'altra parte da un punto di vista tecnico dobbiamo migliorare una serie di fattori. C'è bisogno che ciascuno si assuma le proprie responsabilità. Ci vuole maggiore creatività e focalizzare l'attenzione su diversi piani".

TANJGA "Abbiamo sempre portato il nostro gioco, il calcio è così, dobbiamo solo cambiare la situazione. L'importante è che le nostre qualità mentali in questo momento sono d'alto livello, i risultati arriveranno."

SORIANO "Dobbiamo continuare con le prestazioni, spingendo su questo tasto. Anche noi giocatori dobbiamo dare qualcosa di più, perchè vuol dire che non è bastato fino adesso. Serve più creatività, è nel nostro talento, il fattore che tante volte può aiutare la squadra. Ognuno di noi deve spingersi in là".

Capitolo Svanberg: è un giocatore che vi dà alternative importanti.

"Sì, sta crescendo, ha grandi doti. E' duttile nella zona di centrocampo, penso realmente che possa far bene, in un ruolo propriamente offensivo che più difensivo. Siamo felici che stiamo dimostrando il suo valore."

Soriano, due parole sui giovani.

"Stanno facendo bene, un grande complimento allo staff, la fiducia c'è in tutti, ci sentiamo importanti. Poi il mister fa le scelte, ma sappiamo che alla fine l'obiettivo è quello che dev'essere per tutti, perchè se le cose van bene siamo tutti contenti."

Chi titolare vicino a Danilo?

TANJGA "Noi abbiamo tanti giocatori che possono ricoprire quel ruolo, nessuno ha garantito quel posto. Ci sono state buone partite ed altre meno. Sicuramente dobbiamo avere pazienza. Oltre a lui ci sono giocatori che in questo momento sono disponibili per giocare"

DE LEO "Riconosciamento il talento al nostro gruppo e alla nostra squadra, è un modo per dare un ulteriore attestato di stima. Diamo delle parole chiave nel corso delle settimane, speriamo di raccogliere i frutti del nostro duro lavoro".

Sulla Samp: ti aspetti una gara simil Udine? Cioè una squadra chiusa e battagliera?

DE LEO "No, perchè l'Udinese ha determinate caratteristiche come squadra, Ranieri riesce sempre a massimizzare il capitale umano che ha. Dovremo metterci le nostre caratteristiche, se la nostra squadra è matura, dev'essere in grado di interpretare le difficoltà che ha di fronte".

TANJGA "Non pensiamo alla Samp, pensiamo a noi e al nostro gioco. Dobbiamo vincere".

 

 

 

Stefano Brunetti

Bolognese e bolognista, blogger e poeta, filosofo e asceta, con particolare passione per i colori rossoblù: scrivo sul Bologna da quando sono in fasce, o forse anche prima. Autore su Mondo Bologna, ma anche scrittore, cantante, musicista: con Bologna sempre al centro, come unica fonte d'ispirazione. Cosa ne penso di Destro? Non penso. Pro o contro Donadoni? Neutro. Perché la maglia vien prima di tutto. Datemi dell'ignavo, del conservatore, del bigotto: ma a parte questo, giuro che ho anche dei difetti. Perché prima di tutto viene lei: la maglia del Bologna. 7 giorni su 7. E la maglia non si contesta: si ama. Anzi, di più: si adora.
Ed io, in fondo, non sono che questo: un adoratore seriale. Di professione.