foto Dazn foto Dazn

Il Bologna torna a vincere: 2 a 1 alla Samp

Scritto da  Ott 27, 2019
BOLOGNA - Il Bologna non perde l’occasione e doma la Sampdoria al Dall’Ara: 2 a 1 con un incredibile Palacio e la “garanzia” Bani a segno. Al termine della partita, il Bologna torna decimo in classifica; in attesa dei risultati altrui.
Mihajlovic decide di “rinfrescare” le forze e mette in campo Skov Olsen al posto di Orsolini mentre c’è Dzemaili, al fianco di Poli sulla mediana. Ancora assenti Tomiyasu e Dijks mentre la Sampdoria ha l’amato ex Gabbiadini a fare coppia con Quagliarella in attacco.
Dopo appena due minuti, si invola il Bologna ma il pallone messo in mezzo da Palacio scivola quasi sulla linea di porta e i rossoblù guadagnano solo un corner da cui non ne scaturisce nulla per i padroni di casa.
Passano altri tre minuti e il Bologna ha già un’altra occasione da calcio d’angolo ma anche stavolta non ottiene nulla.
Dopo un quarto d’ora, è la squadra di Mihajlovic che cerca di fare la partita ma, fino ad ora, entrambi i portieri non sono stati ancora chiamati in causa.
Ancora una bella combinazione rossoblù al 19’ ma Palacio non riesce a completare la buona combinazione precedente Sansone-Kreicj.
Ancora un calcio d’angolo al 20’ per la squadra di Sinisa a seguito di una punizione dal limite calciata da Palacio ma deviata dalla barriera. Nessuna conseguenza ulteriore, tuttavia.
Intorno al 23’, i rossoblù chiedono due volte l’attenzione di Doveri per un supposto fallo di mano in area e un successivo contrasto, sempre in area. L’arbitro di Roma, comunque, decide che non c’è nulla di rilevante.
Al 25’, però, si scuote la Samp che colpisce un palo con Gabbiadini con Skorupski battuto.
Si fa rivedere il Bologna al 33’ ma la palla incrociata sul secondo palo da Palacio risulta debole e non impensierisce Audero.
Pericolo per Skorupski al 37’ quando un tiro di Jankto da fuori area viene deviato di poco sopra la traversa da Bani: angolo.
Grande azione del Bologna al 42’ ma la combinazione tra Skov Olsen, Soriano e Palacio ottiene solo un calcio d’angolo; il settimo, per i padroni di casa.
Finisce il primo tempo sullo 0 a 0 iniziale anche se il Bologna si è mosso bene e sta, al momento, facendo la partita.
Inizia la seconda frazione ed è subito la Sampdoria (con già due cambi effettuati: Ekdal per Bertolacci e Depaoli per Leris) a sfiorare il vantaggio con Quagliarella: Skorupski è impeccabile e sventa.
Ma dopo due minuti è il Bologna a trovare il vantaggio. Ripartenza a tre e l’ultimo pallone arriva all’argentino che è implacabile col rasoterra e porta i padroni di casa avanti. 1 a 0 e il Bologna fa fruttare la pressione maggiore sin qui esercitata.
Poco tempo, però, e tutto torna in bilico. Il gol di DePaoli, comunque, viene annullato dal Var per fuorigioco.
È ancora Palacio a farsi vedere al 54’ ma il suo tiro il primo palo  trova solo l’esterno della rete. Un minuto dopo esce Skov Olsen ed entra Orsolini, tra le forze casalinghe.
dopo un’ora di gioco, è ancora la Sampdoria a doversi preoccupare; il tiro di Sansone, dopo un dribbling in area, viene però deviato in corner dall’attento Audero.
La squadra ligure trova però il pareggio al 64’. Errore a centrocampo del Bologna e, dopo due tocchi, arriva il pallone a Manolo Gabbiadini che trova un “eurogol” dalla distanza. Il ragazzo non esulta ma riconsegna la partita all’equilibriom 1 a 1.
Dalla panchina, al 67’ Tanjiga decide di sostituire un centrocampista (Dzemaili) con un attaccante (Santander). Quattro minuti più tardi, Poli è costretto ad uscire; al suo posto Schouten.
Punizione per il Bologna al 73’ ma il tiro di Sansone dal limite esce largo sul secondo palo.
Al 78’, ennesimo calcio d’angolo per il Bologna; questa volta è davvero utile perché Bani riesce a trovare il pallone, spizzato da Mbaye, sotto porta e infilare il nuovo vantaggio. 2 a 1 e i rossoblù cercano ora di resistere alla probabile reazione blucerchiata.
All’86’ grande occasione per il Bologna ma Orsolini spedisce alta di testa una bella palla arrivata dalla fascia sinistra.
A pochi istanti dal 90’, è ancora Orsolini a mettersi in mostra. Dribbling stretto in area ma il tiro esce debole e viene bloccato da Audero.
Quattro i minuti di recupero concessi da Doveri e il Bologna sfrutta il primo per conquistare l’ennesimo calcio d’angolo dell’incontro.
Non c’è altro che trovi posto in cronaca: il Bologna torna alla vittoria, mostrando ancora qualità e grinta.
 

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Bani, Krejci; Poli (71’ Schouten), Dzemaili (67’ Santander); Skov Olsen (55’ Orsolini), Soriano, Sansone; Palacio. All: Sinisa Mihajlovic

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski, Murillo, Colley, Murru; Leris (46’ Depaoli), Ronaldo Vieira, Bertolacci (46’ Ekdal), Jankto (63’ Caprari); Gabbiadini, Quagliarella. All: Claudio Ranieri

Arbitro: Daniele Doveri di Roma (assistenti Colarossi e Muto; IV uomo Abbatista; Var Rocchi, assistente Var Bindoni)

Reti: 47’ Palacio, 78’ Bani (B), 64’ Gabbiadini (S)

Ammoniti: 73’ Bereszynski, 77’ Murru, 87’ Colley (S), 83’ Schouten (B)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.