foto Fantacalcioit foto Fantacalcioit

Il Bologna domina anche a Lecce: 3 a 2 per i rossoblù

Scritto da  Dic 22, 2019
LECCE - Il Bologna non si ferma più e vince anche a Lecce: 3 a 2 in Via del Mare e si chiude un 2019 carico di emozioni, fatiche e gioie. Soriano, al rientro da titolare, e una doppietta di Orsolini strapazzano il Lecce di Liverani. Di Babacar e Farias le reti leccesi che riaprono la gara negli ultimi minuti di gioco, mettendo un po’ di paura ai rossoblù.
Il Bologna ritrova titolare dal primo minuto Soriano che va a posizionarsi tra Sansone e Orsolini e dietro a Palacio, punta centrale. Nel Lecce di Liverani, Babacar e l’ex rossoblù Falco tra le punte di diamante.
Nelle prime fasi, entrambe le squadre agiscono cercando la costruzione della manovra ma senza trovare lo specchio della porta avversaria. In verità, intorno all’11’, il Lecce andrebbe anche in gol con una saetta di Babacar ma l’arbitro non concede la segnatura per una posizione precedente di off-side.
Al 14’, invece, è di Soriano il primo tiro per il Bologna. Tuttavia, il rasoterra dalla distanza, viene ben bloccato da Gabriel.
Intorno al quarto d’ora di gioco, il Bologna costruisce con perfezione l’attività offensiva ma manca di efficacia in fase terminale. Tanto che rischia anche la rapida ripartenza dei giallorossi che, comunque, si debbono accontentare di un calcio d’angolo.
Le occasioni più nitide fin qui sono per la squadra di Mihajlovic, nei pressi del 18’. Prima, un colpo di testa di Palacio a tu per tu con il portiere leccese viene disinnescato dallo stesso, poi la stessa cosa accade una manciata di secondi più tardi con un tiro di Orsolini da ottima posizione. Anche in questo caso, tanta paura al Via del Mare ma nulla in più.
Dopo una mezz’ora di gioco, il Bologna sembra molto attento e difficilmente la squadra di casa riesce ad imbastire azioni pericolose. Cosa che invece avviene per i colori rossoblù al 32’ che vanno di nuovo vicino al vantaggio con un colpo di testa di Palacio. Gabriel, in tuffo, sventa.
Occasioni a ripetizione per la squadra di Mihajlovic che, anche al 33’, vanno vicino al vantaggio con Palacio e Orsolini ma ancora una volta la difesa pugliese evita il peggio nonostante l’affanno.
Al 37’, un inserimento di Poli manda in confusione la difesa leccese e Lucioni rischia l’autogol. Bravo Gabriel in tuffo.
Pochi secondi dopo, Poli è ancora pericoloso ma il suo tiro spaventa senza essere letale.
Lite n campo al 40’ tra Tachtsidis e Medel che costringe all’intervento anche Mihajlovic a sedare la situazione. Ammoniti i due giocatori.
Passa un minuto e prima Soriano e poi Poli, sfiorano clamorosamente il vantaggio ma ottenendo solo un calcio d’angolo. Dalla battuta di quest’ultimo, il Bologna si avvicina ancora al gol ma Petriccione sulla linea sventa.
Tutto questo ha dell’incredibile, le occasioni per il Bologna si ripetono senza sosta ma la palla non riesce a varcare la linea della porta avversaria. La soluzione la trova Orsolini al 43’ portando in vantaggio la propria squadra dopo un cross di Sansone e un velo di Palacio. 0 a 1 e vantaggio più che meritato per la squadra di Mihajlovic.
Finisce così la prima frazione di gioco che ha visto il Bologna dominare l’incontro ma, paradossalmente, ottenere meno di quanto prodotto.
Inizia il secondo tempo e dopo tre minuti è ancora il Bologna a cercare la via del gol è ancora con Orsolini, tuttavia la conclusione dalla distanza finisce larga dal palla sinistro difeso da Gabriel.
Vicino al raddoppio, la squadra rossoblù ci va anche al 51’ ma Bani sfiora solo di testa una palla invitante da calcio d’angolo.
In questi secondi 45’ minuti, il Lecce prova a salire d’intensità mettendo in parte in difficoltà la costruzione offensiva bolognese.
Al 56’ però la squadra di Mihajlovic non perdona. Prima ci provano Sansone e Palacio e Gabriel sventa ma quando, poi, la sfera arriva a Soriano si chiude la faccenda e il pallone viene scaraventato a rete. 0 a 2 e il Bologna mostra un bel calcio dando soddisfazione ai quasi cinquecento tifosi arrivati al Via del Mare da Bologna.
Soddisfazioni che non finiscono qui. Al 66’, infatti, il Bologna trova la terza segnatura grazie a un dribbling secco e tiro immediato di Orsolini che raggiunge la doppietta. 0 a 3 e, forse, si tratta del Bologna più efficace visto in questo campionato.
Il Lecce si avvicina al gol al 69’ ma il colpo di testa di Babacar, lasciato colpevolmente da solo in area, manda la palla oltre la traversa mancando un’occasione d’oro. La migliore per il Lecce nei minuti sin qui disputati.
Passano due minuti e Gabriel è costretto a un intervento decisivo per evitare la quarta marcatura felsinea ad opera di Sansone, protagonista di un bel dribbling su una coppia difensiva.
Bella l’uscita di Skorupski e la difesa di Bani al 75’ che impediscono al Lecce di accorciare almeno le distanze.
A dieci minuti dalla fine, per il Lecce ci prova Falco da fuori area ma la palla non trova lo specchio avversario. Si chiude così la gara dell’ex Pippo Falco, al suo posto entra Lamantia.
Il Lecce ha ancora qualche forza da mostrare ma il tiro all’84’ dell’altro ex Mancosu non impensierisce Skorupski che para a terra.
All’85’, alla fine, la squadra di casa accorcia le distanze con Babacar che manda in rete un invitante cross di Calderoni: 1 a 3 e ci sono ancora una manciata di minuti da giocare.
Però è ancora il Bologna a riproporsi offensivamente e mostrare pericoli agli avversari a due minuti dalla fine. Questa volta Sansone è ben contrastato dalla difesa leccese.
Incredibile quello che succede nel primo dei quattro minuti di recupero. Il Lecce va ancora in gol e riapre clamorosamente la gara. 2 a 3 ed è di Farias la botta da fuori area che lascia ancora tutto in gioco.
Nell’ultimo minuto Svanberg ha una palla clamorosa per chiudere ma sbaglia, il Lecce ha ancora vita.
Ma dura poco e Abisso chiude il Crescendo rossiniano di questo 2019: il Bologna conquista la terza vittoria in quattro gare e si gode nel migliore dei modi la chiusura di questa faticosa ma bellissima annata.
 
LECCE - Gabriel, Rispoli, Rossettini, Lucioni, Calderoni, Petriccione, Tachtsidis, Tabanelli, Mancosu, Falco (81’ Lamantia), Babacar. All.: Liverani
BOLOGNA - Skorupski, Mbaye, Tomiyasu, Bani, Denswil, Poli (75’ Schouten), Medel, Orsolini, Soriano (86’ Svanberg), Sansone, Palacio. All.: Sinisa Mihajlovic
Arbitro: Abisso da Palermo (assistenti Carbone e Baccini; IV uomo Barone; Var Pasqua, assistente Preti)
Reti:  43’ e 66’ Orsolini, 56’ Soriano (B) 85’ Babacar, 90’ +1 Farias (L)
Ammoniti: 41’ Tachtsidis, 52’ Babacar, 89’ Calderoni, 90’ +2 Farias (L) 41’ Medel, 44’ Mbaye, 82’ Schouten (B)
Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.