Il Resto del Carlino - Calciomercato Bologna: la classifica induce a pensieri di rafforzamento

Scritto da  Dic 28, 2019

Parte sinistra, che non necessariamente prelude ad un concione politico, viste l'avvicinarsi delle lezioni regionali in Emilia Romagna. La "sinistra", di cui si parla nell'articolo odierno di Marcello Giordano sull'edizione del Resto del Carlino, è quella della classifica che vede il Bologna nono dietro alle big e ai "capitoli sorpresa" di Parma (a soli 3 punti dai rossoblù) e Cagliari (in rallentamento). Una classifica che comunque ha scontato la malattia di Mihajlovic e l'ambientamento, non semplice, dei tanti giocatori giovani, soprattutto stranieri: per questo i 22 punti assumono un valore estremamente importante, soprattutto per il girone di ritorno che dovrebbe portare più punti alla classifica (per quanto detto sopra in via di auspicata soluzione) e, di conseguenza,  maggiori soddisfazioni ai tifosi. Questo particolare insieme di coincidenze (Fiorentina e Milan ancora dietro ai rossoblù, Napoli ad un solo punto) ha portato ad una serie di riflessioni nell'Head Quarters di Casteldebole, che potrebbero essere la  miccia per un mercato invernale più importante del solito, per poter approfittare della situazione e lasciare il segno già in questa stagione. Ecco perché la Dirigenza rossoblù sta accarezzando il pensiero di fare un investimento importante già a Gennaio (15 milioni per Musa Barrow ne è l'esempio), oltre ad alcuni innesti di qualità (Favilli, Jesus, Ibanez e, sullo sfondo, Bonifazi e Lyanco), per tentare tutto il possibile e non lasciare nulla al caso, condividendo in questo anche il pensiero di Mihajlovic. Occhio però a parlare di Europa: aspettiamo che sia il campo a parlare.

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"