Il giorno di Mastropasqua

Scritto da  Gen 03, 2020

È il 21 ottobre del 1979, sesta giornata di campionato. Il Bologna, reduce da tre salvezze soffertissime aveva iniziato bene il campionato, pareggiando a Torino con la Juve, 1-1 con rigore di Savoldi, quasi vincendo contro l'imbattibile Perugia (la squadra umbra, imbattuta anche in tutto il campionato precedente, inanella a Bologna la trentatreesima gara senza sconfitte, ma lo fa pareggiando a tempo scaduto il gol realizzato da Savoldi nel primo tempo), poi vincendo a Roma contro i giallorossi, a segno ancora Savoldi e l'altro "vecchietto" Chiarugi; poi però erano venute due sconfitte, in casa contro l'Inter e ad Avellino.

C'è quindi bisogno di un riscatto, da ottenere contro l'avversaria di turno, la Fiorentina. I rossoblù allenati da Perani, presentano Zinetti in porta, Sali, Albinelli e Baclechner in difesa, Paris e Castronaro a proteggere i difensori, Mastalli, Mastropasqua, Dossena e Colomba a cercare di creare gioco, dietro l'unica punta Savoldi, tornato in rossoblù proprio quest'anno. Al quindicesimo del primo tempo, Mastropasqua va in anticipo di testa su un cross proveniente da un calcio d'angolo, tirato magistralmente da Dossena, e gira nell'angolo più lontano, fuori dalla portata del portiere viola Galli. Nella ripresa al ventiduesimo il raddoppio. Colomba riceve da Dossena, allunga a Savoldi che controlla e gli restituisce il pallone più in profondità, il numero undici alza la testa, crossa verso il lato più lontano dell'area, dove sta accorrendo Mastropasqua che, al volo, firma la pregevole doppietta. Per Giorgio una doppietta a suggellare un bellissimo inizio di campionato, una grande gara contro il Perugia, un gol all'Inter e questi due alla Fiorentina a impreziosire una prestazione sontuosa. Al trentunesimo minuto Chiarugi rileva Mastalli, ma dopo otto minuti la squadra bolognese resta in dieci per l'espulsione di Colomba per somma di ammonizioni. Altri due minuti di lancetta e i toscani accorciano le distanze con un rigore di Antonioni, assegnato per un fallo di Albinelli su Pagliari. Gli ultimi minuti sono particolarmente nervosi: la Fiorentina, grazie al gol segnato e all'uomo in più, vede improvvisamente il miraggio del pareggio, la squadra di Perani teme di vedersi sfuggire una gara che riteneva ormai in cassaforte. Non ci sono però altre reti e vince meritatamente il Bologna per 2 a 1. Dopo due sconfitte...Mastropasqua di resurrezione.

Bologna: Zinetti, Sali, Albinelli, Bachlechner, Paris, Castronaro, Mastalli (31 st Chiarugi), Mastropasqua, Savoldi I, Dossena, Colomba F.

Fiorentina: Galli; Ferroni, Tendi; Galblati, Zagano, Orlandini, Bruni, Restelli (23 st Di Gennaro), Sella, Antognoni, Pagliari.

Reti: 15 pt Mastropasqua, 22 st Mastropasqua, 41 st Antognoni (rig.).

 

Ultima modifica il Venerdì, 03 Gennaio 2020 10:26