Bologna Primavera, si riparte dalla Lazio Pietro Pieralisi

Bologna Primavera, si riparte dalla Lazio

Scritto da  Gen 11, 2020

 

 

Il 21 dicembre il Bologna di Emanuele Troise perse 3-2 in terra bianconera, seconda sconfitta a distanza di tre giorni dalla debacle in Coppa Italia sempre contro la Vecchia Signora (3-1). Il lungo stop natalizio ha certamente rinfrescato le menti dei giovani atleti rossoblù, nonché di tutto lo staff tecnico, in vista della sfida di domani — ore 14, al Biavati — contro la Lazio.

Da una primo fotogramma della classifica si noterà il Bologna relegato in undicesima posizione, a ben quindici punti, con una sola distanza dai biancocelesti. Tra i rossoblù e la compagine romana si interpone, invero, la Sampdoria di Marcello Cottafava che quest’oggi scenderà in campo al Gino Bozzi per affrontare la Viola.

La Lazio, guidata da Leonardo Menichini, ha concluso il 2019 proprio con una vittoria — per 2 a 1 — ai danni dei toscani. Gli aquilotti chiusero il primo tempo sul risultato di 2-0 grazie alla rete di Alessio Bianchi il quale — con un’eccellente punizione — trovò la prima rete stagionale, e all’autorete di Dalle Mura. Al 73’ del secondo tempo i gigliati risposero con Andrea Milani tentando poi di affievolire, invano, la difesa laziale.

Benché le sconfitte siano state maggiori delle vittorie, il team di Leonardo Menichini ha terminato l’anno trascorso con due importanti trionfi — uno, quello appena descritto, mentre l’altro il 2-1 contro il Napoli — a fungere da buon auspicio per il 2020. É dunque probabile che i romani si presentino domani al Biavati intenzionati a (ri)iniziare la stagione ingranando la giusta marcia. Da parte sua, il Bologna sarà invece determinato a ristabilire l’assoluto dominio casalingo — che ha reso il Biavati inespugnabile fortezza felsinea per buona parte de campionato — spezzato soltanto dal 4-1 subito il 15 dicembre contro la Dea.

Nelle prime sette giornate Menichini ha optato per un 3-5-2, i cui frutti hanno generato un trend negativo di sconfitte. A partire dal derby contro i cugini romani, vinto 2-1 lo scorso 23 novembre, il tecnico biancoceleste ha invece preferito schierare i propri giocatori rispettando il modulo tattico del 4-3-3. Ad un attacco non particolarmente pericoloso — il capocannoniere della formazione è il difensore centrale Damiano Franco — corrisponde un’efficace sistema di gioco culminante nelle doti di “assistman” di alcuni preziosi giocatori. Tra questi merita indubbiamente menzione speciale Luca Falbo, terzino sinistro italiano classe 2000, insidiosa spina nel fianco della formazione romana e tra i migliori difensori dell’intero campionato.

Riaccensione dei motori, quindi, per il Bologna di Emanuele Troise che sabato prossimo sarà impegnata — a Sassuolo — contro i neroverdi all’Enzo Ricci. Da parte nostra, auguriamo un enorme “in bocca al lupo” al mister affinché quella ventura possa essere una stagione ricca di emozioni e di tante soddisfazioni — sia personali sia a livello di squadra —. Avanti ragazzi! 

Ultima modifica il Domenica, 26 Gennaio 2020 08:39
Marco Carlotti

Parlo di calcio con la consapevolezza che esso é, come diceva Pier Paolo Pasolini, un «sistema di segni»: ovvero una lingua, sia pure non verbale