Nicolas Dominguez Nicolas Dominguez Bianca Costantini, 1000CuoriRossoblu

Conferenza presentazione Dominguez: "Mi ispiro a Verratti. Conosco molto bene la storia di Bulgarelli"

Scritto da  Gen 15, 2020

Questa mattina, nella sala conferenza di Casteldebole, è stato  presentato alla stampa il nuovo centrocampista del Bologna Nicolas Dominguez, già acquistato la scorsa estate dal Velez. Di seguito le prime parole del calciatore argentino.

Ore 12:30 - Inizia la conferenza stampa. Insieme a Dominguez è presente il direttore sportivo del club rossoblù Bigon.

Inizia a parlare Bigon: "E' un'operazione già conclusa da un paio di mesi. E' un calciatore che abbiamo acquistato in estate. Un ragazzo giovane in cui crediamo tanto e che farà parte del progetto futuro del Bologna. Deve adattarsi al calcio italiano e con i giusti tempi potrà aiutare la squadra."

Le prime parole di Dominguez: Come hai vissuto l'attesa prima del debutto di domenica scorsa?

"Sono molto contento di essere venuto al Bologna. Sono felice di essere arrivato in una squadra molto ambiziosa e in questo primo periodo mi sto trovando molto bene."

Sei un ragazzo senza paura?

"Vado in campo provando quello che abbiamo provato in settimana. Lo staff e il tecnico mi stanno dando molta fiducia." Il rapporto con Palacio? "Rodrigo come con tutti i sudamericani ho un buonissimo rapporto. Adesso penso solamente alla prossima partita e a fare bene."

Arrivi da un campionato molto importante. Come ti senti?

"Per ogni giocatore argentino il sogno è quello di approdare in Europa, dove ci sono i migliori campionati. Il sogno è di adattarsi il prima possibile per iniziare una buona carriera qui in Italia."

Il tuo ruolo preferito e il calciatore a cui ti ispiri?

"Posso spaziare su tutto il centrocampo, non ho preferenze. Posso giocare sia in fase difensiva che offensiva. Il calciatore a cui mi ispiro è Marco Verratti."

Ti senti un punto di partenza per la conquista dell'Europa del Bologna?

"Sono venuto a Bologna per crescere. La cosa fondamentale è che siamo tutti importanti e puntiamo a crescere il prima possibile."

Ti piace di più giocare mediano o dietro le punte?

"Preferisco giocare nei due davanti al mediano per partecipare ad entrambe le fasi, difensiva e offensiva. Ma, ripeto, mi adatto a tutte le posizioni."

Che effetto ti ha fatto giocare e allenarti con Palacio, che nel 2014 hai visto giocare per la tua Nazionale la finale dei Mondiali?

"Quando sono arrivato i primi giorni il mister Mihajlovic mi ha detto che ci saranno dei giorni positivi e altri meno. L'importante è dare sempre il meglio quotidianamente. Palacio è un grande calciatore e da lui posso soltanto imparare."

Domanda per Bigon: Quanto è stato difficile portare Dominguez a Bologna? 

"Acquistare calciatori dal mercato argentino non è facile, proprio per il valore che hanno lì i giocatori. Normalmente il campionato argentino è molto simile al nostro per cui i calciatori argentini fanno subito molto bene qui da noi. E' un calciatore che seguivamo da due anni e ci è sempre molto piaciuto. Il Velez ha trattenuto una percentuale di rivendita sul cartellino del giocatore."

Domanda per Dominguez: Hai giocato in Nazionale con Messi, che momento è stato per te? 

"Giocare con Messi non è una cosa che si dimentica. E' stato un momento unico, un sogno. Subito dopo sono arrivato a Bologna, è stato tutto molto veloce."

Dove hai guardato la Finale dei Mondiali 2014?

"A casa con amici."

Perché hai scelto il numero 8? Per Bologna è il numero di Bulgarelli, lo conosci?

"Mi hanno parlato di Bulgarelli, il miglior giocatore della squadra del Bologna, ha vinto tantissimi titoli. Ho scelto il numero 8 perché è stato da sempre il mio numero, sono onorato di indossare il numero di Bulgarelli."

Perché hai scelto di vivere in Piazza Maggiore?

"Per il momento vivo lì. Sono arrivato con la mia famiglia e volevo che conoscessero la città. Credo che in futuro mi sposterò per avvicinarmi di più al centro tecnico."

E' stato difficile lasciare il Velez, il tuo club fin da quando eri bambino?

"Sono stato fin dall'inizio molto sicuro della mia scelta. Ho colto al volo la possibilità di giocare in Europa. Spero di fare bene."

Il tuo soprannome e le tue passioni?

"In argentina sono soprannominato 'il principe' o 'occhi di cielo' ma quest'ultimo non mi piace molto. Mi piace il basket, so che a Bologna ci sono due squadre molto forti di basket e che in passato ci ha giocato un grande giocatore argentino, Ginobili."

Nell'ultimo periodo sei migliorato molto nella finalizzazione, credi di fare bene in zona gol anche a Bologna?

"Nell'ultimo periodo mi sono esercitato molto sulla finalizzazione e questo mi ha portato a segnare più gol nell'ultimo periodo in Argentina. Spero di continuare così."

Domanda per Bigon: E' possibile tesserare Barrow per domenica?

"Credo che non ci saranno problemi. Barrow sarà disponibile per la prossima partita e sarà a disposizione del mister."

Ore 13:00 -  Finisce la conferenza stampa.

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Gennaio 2020 16:33
Antonio Cetani

Giornalista freelance, laureato in Comunicazione. Seguo ogni tipo di sport, dal calcio al basket passando per il tennis e i motori. Ho due passioni: la politica e la lettura.