Stampa questa pagina

Inarrestabili rossoblù: a Roma è 2 a 3

Scritto da  Feb 07, 2020

ROMA - Un Bologna bello ed efficace strapazza la Roma all’Olimpico e vince per tre a due. Di Orsolini e una doppietta di Barrow i gol vincenti per la squadra di Mihajlovic.

Il primo tiro in porta è della Roma che tenta con Perotti che incrocia debolmente un buon lancio dalla zona sinistra del campo d’attacco. È però il Bologna che, nei primi quindici minuti, mette molta pressione alla difesa  giallorossa.

Non è un caso, infatti, che al 16’ siano proprio i rossoblù a passare in vantaggio. È di Orsolini che, in area, chiude perfettamente un’azione rossoblù che si era sviluppata dalla banda sinistra offensiva. 0 a 1 e la squadra di Mihajlovic palesa sin qui un calcio divertente e migliore.

Sette minuti dopo il Bologna ne ha ne due di altre occasioni. Eppure, sia Svanberg (ben posizionato in area) e successivamente Palacio non incontrano la porta avversaria.

Però è lo stesso Bologna che si fa male da solo. Al 22’ Infatti, una deviazione sbagliata in area di Denswil, manda il pallone verso la propria porta con Skoruspki che non fa in tempo ad intervenire. 1 a 1 ma la partita sembra ancora decisamente lunga. E non solo per il tempo rimasto.

Come detto, passano appena quattro minuti e Barrow riceve un pallone sul vertice sinistro d’attacco, un dribbling e posiziona la palla sull’incrocio opposto: 1 a 2 e i rossoblù tornano nuovamente in vantaggio.

Altra occasione, ancora per il Bologna: al 34’ i rossoblù giocano stretti al limite dell’area e Svanberg, dopo un bel controllo del pallone, calcia e manca la terza rete solo di pochi centimetri.

La Roma cerca di trovare il pareggio ma, sin qui, le conclusioni verso la porta bolognese, finiscono senza grandi pericoli.

È, invece, ancora clamorosa l’occasione al 41’ che capita a Palacio dopo un’imbeccata di Soriano. IL tiro dell’argentino è violento ma centrale e Lopez sventa a terra.

LA prima frazione di gioco non ha altro da raccontare e termina con il Bologna meritatamente in vantaggio per ciò che ha dimostrato in questi primi 45 minuti.

E il secondo tempo si affaccia con le stesse caratteristiche del primo. Non a caso, passano appena sei minuti e il Bologna triplica. È Barrow che fa tutto bene e dopo un dribbling secco in area trova la rete sul secondo palo. 1 a 3 e Barrow firma, sullo score, due gol e l’assist del primo gol di Orsolini.

Il primo tiro della Roma arriva al 58’  ma l’esterno di Kolarov in area è facile preda per Skorupski.

Dopo un’ora di gioco, si fa vedere il neo entrato Perez. Dribbling e tiro in area ma Skorupski è attento.

Ci prova la Roma ancora con Perez al 67’ che entra in area e serve una bella palla al centro ma la difesa rossoblù è pronta e sventa in angolo dal quale la Roma non riesce comunque a produrre alcunché.

AL 72’ la Roma accorcia le distanze grazie a un aumento improvviso di velocità di Bruno Peres che riesce a mettere un cross al centro dove Mkhitaryan riesce ad anticipare Danilo e infilare di testa Skorupski. 2 a 3 e la partita viene così riaperta dai giallorossi.

La squadra di Fonseca mantiene la pressione e dopo due minuti è Dzeko che ci prova ma il pallone finisce in angolo.

In questa fase di gioco il Bologna si abbassa troppo e la Roma cerca di approfittarne con Dzeko. La difesa felsinea tiene.

A dieci minuti dalla fine, Cristante arriva con troppa irruenza su Orsolini in ripartenza. Rosso diretto per il centrocampista romanista.

All’83’ ci prova Skov Olsen che da solo in area si aggiusta la palla ma perde un tempo e il suo tiro viene contrastato e indebolito. E così non preoccupa Pau Lopez.

Si infortuna Barrow all’86’, al suo posto Mihajlovic fa esordire in rossoblù il giovanissimo Juwara.

Nel secondo minuto di recupero doppio intervento di Skorupski su di una doppia occasione cercata e finita sui piedi di Dzeko.

Nonostante gli assalti finali giallorossi non accade più nulla per la cronaca e i rossoblù strappano tre ricchi punti all’Olimpico di Roma.

 

ROMA (4-2-3-1): Pau Lopez; Santon (60’ B. Peres), Mancin, Smalling, Kolarov; Cristante, Veretout (78’ Kalinic); Under (57’ Perez), Mkhitaryan, Perotti; Dzeko. All. Paulo Fonseca.

BOLOGNA (4-3-3): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Bani, Denswil; Svanberg (75’ Dominguez), Schouten, Soriano; Orsolini (83’ Skov Olsen), Palacio, Barrow (86’ Juwara). All. Sinisa Mihajlovic.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata (assistenti: Di Iorio e Imperiale, IV uomo Sacchi, Var Irrati, assistente Carbone)

Reti: 16’ Orsolini, 26’ e 51’ Barrow (B) 22’ Denswil (aut.), 74’ Mkhitaryan (R)

Ammoniti: 38’ Svanberg, 54’ Schouten, 59’ Bani, 88’ Skorupski (B), 58’ Santon, 85’ Bruno Peres (R)

Espulso: 80’ Cristante (R)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.