Bologna – Genoa: le parole di Emilio de Leo nel post partita

Scritto da  Feb 15, 2020

Emilio de Leo, collaboratore tattico di Sinisa Mihajlovic, ha commentato così il match: “Nella sostanza, l’espulsione di Schouten è stato il momento chiave della gara. Non è un attenuante perché poi la gara è stata lunga e la potevamo gestire meglio, senza subire il secondo gol. Credo che stessimo facendo la gara come l'avevamo preparata, arrivando nelle zone dove volevamo con una certa frequenza. Non abbiamo corso grandi rischi ma se abbiamo perso con questo passivo dobbiamo prendercela con noi stessi. Con un ritmo più spezzettato la squadra più esperta si trova a suo agio. Arbitro? Non mi esprimo su questo. Noi siamo arrivati l'anno scorso con l'obiettivo della salvezza. Quest'anno vogliamo puntare a fare uno step in più, continuando a migliorare e rimanendo coerenti con le nostre idee di calcio. Non sono d'accordo sul fatto che Orsolini e Barrow abbiano deluso. In settimana si sono allenati in maniera intermittente ma al netto delle difficoltà che ci ha dato il Genoa io credo che stessero facendo una discreta partita e fossero presenti: certo, magari potevano essere più precisi negli ultimi 30 metri ma vale per tutti. Sinisa? Ti aiuta a stare sempre sul pezzo, ti indica la strada, mi ha aiutato ad acquisire una mentalità vincente e a lavorare per migliorare il mio contributo. Una persona molto aperta e abile a delegare. Persona umile e sempre aperta al confronto, quest'anno sta dando a tutti una prova incredibile. Mi sento cresciuto come uomo e come professionista. Non so cosa abbia detto Sinisa all’arbitro a fino primo tempo. Immagino che il mister abbia parlato del ritmo troppo spezzettato. Però sapete bene che Miha è diretto ma pronto a tornare sull'obiettivo e quindi ha subito parlato alla squadra cercando di caricarla. Non so chi abbia più chance di recuperare per la sfida con l’Udinese. Non voglio sbilanciarmi. Voglio dire una cosa però: numericamente abbiamo delle difficoltà, però se abbiamo elogiato i ragazzi che sono subentrati nelle ultime gare non possiamo guardare oggi agli assenti. Domani comunque i responsabili sanitari ci aggiorneranno.”