Corriere di Bologna - Difesa nel panico e un Dall'Ara che non punge: Bologna, devi risolvere questi problemi

Scritto da  Feb 18, 2020

Dopo la pesante sconfitta interna contro il Genoa è già tempo di partire: sabato pomeriggio c'è l'Udinese, in una partita che non si può sbagliare. Gli obiettivi della banda di Miha sono, come riportato da Alessandro Mossini del Corriere di Bologna, migliorare il rendimento in casa e cercare di non subire gol: un qualcosa che non succede da ben 19 gare, dall'andata proprio contro il Genoa. Tante le reti subite in questo arco di tempo, ben 33; sono 39 in tutto il campionato.

Un bel problema, anche perchè tutto ciò porta ad un dispendio di energie maggiore. In tutti questi gol subiti sicuramente pesano errori evidenti commessi dalla retroguardia rossoblù, frutto di disattenzioni spesso e volentieri evitabili. Ora arriva un filotto di partite importanti, perchè dopo l'Udinese ci sono Lazio e Juventus: contro gli uomini di Gotti potrebbe essere una grande occasione non subire reti, perchè poi contro biancocelesti e bianconeri il compito diventa sempre più arduo. Anche perchè si avvicina un record negativo: quello delle 21 gare sempre subendo gol, primato risalente al Bologna di Gipo Viani (e poi di Aldo Campatelli) del 1955/56. Sono due squadre diverse, perchè quella di tanti anni fa non attaccava come la squadra attuale: ora però il problema è proprio la difesa, anche perchè quella rossoblù è la settima peggiore del campionato. 

Come già accennato, c'è un altro obiettivo da raggiungere ed è quello del maggior rendimento in casa: solo 16 punti conquistati in 12 gare di fronte al pubblico del Dall'Ara, meglio in trasferta dove ne sono arrivati 17 nello stesso numero di scontri. Una squadra che si entusiasma meglio in trasferta, gioca meglio e si diverte di più. In casa, invece, situazioni contrastanti: buone gare, altre un pò meno, punti arrivati nel finale e molta discontinuità. Due obiettivi a breve termine per il Bologna, costretto a riprendere la corsa per cercare un'Europa che poi non è così tanto lontana.

Ultima modifica il Martedì, 18 Febbraio 2020 11:10
Federico Calabrese

Classe 2000, studia presso l'Università di Bologna. Prima di entrare in 1000 Cuori Rossoblu ha scritto per Mondoprimavera e Jzsportnews.com. In passato ha lavorato anche con Gazzamercato, Vocegiallorossa e Numero-Diez. Ha partecipato l'anno scorso al Workshop di Giornalismo sportivo a Bologna, che ha visto docenti come Xavier Jacobelli e Alessandro Iori. Appassionato di calcio in tutte le sue sfumature, cerca il più possibile di raccontare il lato romantico dello sport, con storie che possano far emozionare.