Stadio Renato Dall'Ara Stadio Renato Dall'Ara bolognafc.it

il Resto del Carlino – Il calcio non si ferma

Scritto da  Mar 05, 2020

 

Proprio oggi è attesa l’ufficializzazione da parte della Lega del nuovo calendario: lo stadio potrebbe restare chiuso ai tifosi almeno fino al 3 aprile.

Come riporta Marcello Giordano ne il Resto del Carlino, ad accordare il mondo dello sport ci pensa il Governo. Per i prossimi 30 giorni, tutte le partite e manifestazioni andranno avanti con gli spalti vuoti e senza pubblico. Alla Lega Calcio è stato impiegato l’obbligo di slittamento del calendario concordato precedentemente tra i club: il Bologna tornerà al Dall'Ara con la Juventus nella data di venerdì 13. Oggi si attende l’ufficialità del nuovo calendario. 

I prossimi eventi sportivi si svolgeranno a porte chiuse: la misura di prevenzione, voluta da tutti i vertici dello stato, ha unito vari autorevoli punti di vista in un’unica soluzione. Come confermato da Vincenzo Spadafora, attuale Ministro dello sport: “Si va verso la possibilità di realizzare eventi esclusivamente a porte chiuse in tutta Italia, dando indicazioni precise per quanto riguarda la sicurezza delle squadre e degli staff”.
Insieme a circa altri dieci club, l’ad del Bologna Claudio Fenucci, si era già proposto favorevole alla chiusura dello stadio ai tifosi e al rinvio dell’assemblea della Lega, in programma per la giornata di ieri. 
Il Consiglio dei ministri ha da poco cominciato a lavorare sul nuovo decreto legislativo, la Lega Calcio rimane in attesa. 

Il Bologna rivede il proprio regolamento interno: soltanto alcuni componenti del team di lavoro avranno i pass per l’ingresso a Casteldebole, chi ha la possibilità di lavorare da casa non ha motivo di presentarsi.
A contatto con la squadra restano quindi solo pochi dirigenti, il regolamento emesso dalla Lega prevede ben 21 regole per la prevenzione del Covid-19.

Il Bologna torna al Dall’Ara con la Juventus in occasione dell’anticipo della 27ª giornata: questa, si disputerà a porte chiuse alle h 20.45 di venerdì 13 marzo.
Il 5 aprile – qualora il decreto non venga prolungato – in occasione di Bologna-Cagliari, si spera di assistere alla prima gara a porte aperte.

Ultima modifica il Giovedì, 05 Marzo 2020 08:27
Matteo Guerra

Nato in Emilia-Romagna, regione d’eccellenza motoristica italiana, studio Comunicazione a Bologna. Intraprendo un percorso formativo mirato al mondo del giornalismo nell’ambito dell’automobile. Forte appassionato di tutto ciò che riguarda motori e velocità.