Centro tecnico Niccolò Galli - Casteldebole Centro tecnico Niccolò Galli - Casteldebole 1000CuoriRossoBlu

il Resto del Carlino – Bologna FC: tutti convocati entro sabato

Scritto da  Apr 16, 2020


In seguito alla proroga del lockdown fino al 3 maggio, Vincenzo Spadafora – attuale Ministro dello Sport – ipotizza di riprendere gli allenamenti della Serie A già dal giorno seguente. 

Come indicato da Marcello Giordano nell’edizione odierna de il Resto del Carlino, prevedendo la ripresa degli allenamenti il 4 maggio, il Bologna F.C. vuole che i suoi giocatori e lo staff siano in città entro sabato 18 aprile per iniziare la quarantena.
Nonostante non ci sia ancora una certezza sulla data di inizio della Serie A, la società sportiva ha quindi già prenotato i viaggi di rientro dei giocatori Danilo Larangeira, Mitchell Dijks, Ladislav Krejcì e del secondo allenatore Miroslav Tanjga, tornati nelle città d’origine durante l’emergenza sanitaria.

Tutti convocati entro sabato. Se le previsioni del Ministro dello Sport venissero confermate, dopo due settimane di quarantena – con scadenza prevista il 2 maggio – gli atleti dovrebbero presentarsi alle visite mediche per una conferma sullo stato di salute.
Anche Emilio De Leo e Diego Gabriel Raimondi, tornati rispettivamente in Campania e Toscana, dovranno rientrare. Infatti, insieme a Tanjga e al preparatore atletico Massimiliano Marchesi, i collaboratori tecnici guideranno gli allenamenti in attesa del ritorno di Mihajlović che, per ovvi motivi di salute, dovrebbe rimanere nella sua residenza romana.
Non è ancora certa la presenza del centrocampista Roberto Soriano: nell’arco di due settimane diventerà padre per la seconda volta. Il club potrebbe quindi concedergli un permesso per raggiungere la moglie a Genova.

Intanto il capitano Andrea Poli e il suo vice Angelo Da Costa sono stati contattati da Claudio Fenucci per essere informati delle decisioni della Lega riguardo alla trattativa sul taglio degli stipendi: da domani avrà inizio la mediazione tra l’ad rossoblù e i calciatori per cercare un compromesso.
Le trattative individuali, che avverranno rigorosamente via telefono, verranno precedute da una video conferenza, in cui i giocatori, lo staff tecnico e quello medico discuteranno le disposizioni sanitarie riguardanti il riavvio delle attività.
Il Bologna sembra intenzionato a tutelare in maggior misura i giovani con contratti al minimo salariale. Non tutti i calciatori potrebbero quindi subire la stessa decurtazione sullo stipendio.
In seguito al taglio di due mensilità il Bologna dovrebbe risparmiare dai 7 ai 9 milioni di euro.

 

Ultima modifica il Giovedì, 16 Aprile 2020 08:52
Matteo Guerra

Nato in Emilia-Romagna, regione d’eccellenza motoristica italiana, studio Comunicazione a Bologna. Intraprendo un percorso formativo mirato al mondo del giornalismo nell’ambito dell’automobile. Forte appassionato di tutto ciò che riguarda motori e velocità.