Sinisa Mihajlovic e Zlatan Ibrahimovic Sinisa Mihajlovic e Zlatan Ibrahimovic 1000Cuorirossoblù

Il Resto del Carlino - Mihajlovic e quel "voglino" di nome Ibrahimovic

Scritto da  Giu 13, 2020

Partiamo dalle certezze: il 2 agosto (o qualunque sarà la data dell'ultima partita di campionato) Zlatan Ibrahimovic lascerà la maglia rossonera del Milan, perchè in aperto contrasto con l'amministratore delegato Gazidis, reo di averlo trattato come "uno dei ragazzini aggregati alla prima squadra". L'avventura a Milano dello svedese quindi terminerà ai primi di agosto,  ma non è detto che Zlatan lasci l'Italia: nel suo futuro, oltre ad un improbabile immediato termine della sua carriera, ci potrebbe essere il Napoli o un ultimo anno in Svezia. Ma l'amicizia, più volte sottolineata anche su queste nostre  pagine, con il tecnico Mihajlovic lascia aperta la porta ad una possibilità di vedere il campione svedese vestire la maglia rossoblù. Una possibilità remota, ma possibile in quanto Sinisa crede nell'attaccante di Malmö, avendolo allenato per due anni all'Inter (2006-2008), prima di approdare al Bologna, nella sua prima esperienza da capo allenatore. Mihajlovic sa che della decisione di Ibrahimovic sarà informato fra i primi e non abbandona la speranza di portarlo sotto le due torri.

Intanto, ieri sera, il Mister rossoblù ha fatto aprire lo Stadio dall'Ara per un allenamento che aiutasse i suoi ragazzi a calarsi in un clima prepartita serale: la particelle ha visto un due 4 3 3 sfidarsi, dove all'inizio da una parte si schieravano Sansone, Barrow e Orsolini, mentre dall'altra Palacio, Santander e Skov Olsen. Il resto è stato un tourbillon di modifiche tattiche in corsa che ha permesso all'allenatore bolognese di provare l'intera rosa. La partita è terminata sull'1 a 1, con goal di Barrow che ha trasformato un penalty, mentre il pareggio è arrivato su calcio di punizione, trasformato da Santander.

 

(Fonte M. Giordano - RdC)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"