Alé Bulåggna - Suldè dal Pèpa

Scritto da  Lug 16, 2020

Il detto dialettale che proponiamo quest’oggi ci riporta indietro nel tempo ricordandoci che dopo aver subito il controllo ed il dominio da parte dello Stato della Chiesa per anni, a Bologna si possono ascoltare vari motteggi e proverbi che, nonostante la religiosità dei cittadini, non sono propriamente cordiali verso la Chiesa ed i suoi rappresentanti. Ne è un esempio, come detto, la frase di oggi.

Suldè dal Pèpa

Letteralmente traducibile come “soldato del Papa”, questa locuzione qualifica qualcuno come poco adatto e scarsamente qualificato per un ruolo. Il riferimento è alle truppe della milizia papale che non sempre erano in grado di portare la calma e/o vincere delle battaglie o che comunque venivano punzecchiate in modo satirico come non proprio performanti. Un detto che per altro ne ricorda un’ altro che abbiamo già trattato in passato, relativo al “Battagliàn ed Mlèra”.

Ecco che in ambito sportivo potremmo dire che una squadra o un atleta è un “suldè dal Pèpa” quando viene messo davanti ad un compito impervio che ne mette in luce la propria inadeguatezza. O ancora possiamo definire come un “suldè dal Pèpa” una società sportiva scalcinata che cerca di sopravvivere con difficoltà. Nonostante alcune sfortunate giocate, possiamo dire che la prima definizione è quasi definitvamente superata dalla rosa del Bologna FC, mentre siamo ormai certi che la società sia decisamente lontana dal poter essere definita suldè dal Pèpa”, cosa invece che si sarebbe potuto dire nel passato.

A questo link trovate le altre frasi dialettali della nostra rubrica “Alé Bulåggna”.

Ultima modifica il Mercoledì, 15 Luglio 2020 16:26
Simone Zanetti

Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.