Nehuen Paz e Mitchell Dijks Nehuen Paz e Mitchell Dijks 1000Cuorirossoblu.it

Il Ritorno dell'Ex: Bologna - Lecce

Scritto da  Alessio Saturno Lug 25, 2020

Nehuen Mario Paz, Luca Rossettini e Filippo Falco sono gli ex della partita in programma al Dall’Ara domenica pomeriggio tra Bologna e Lecce valevole per la 36esima giornata di Serie A.

Paz cresce calcisticamente nelle giovanili dell’All Boys (società calcistica argentina che milita in Primera B Metropolitana). All’età di 20 anni esordisce in prima squadra il 22 settembre 2013 durante l’ottava giornata di campionato contro il River Plate. Concluderà il campionato con 19 presenze da titolare affermandosi come giovane di grande prospettiva. Giocherà complessivamente 36 partite nei due anni con l’All Boys. Nel 2015, dopo due ottime stagioni, viene acquistato dal Newell’s Old Boys, qui in 2 anni e pochi mesi gioca 57 partite e mette a segno 2 reti.

Il 30 gennaio 2008 lo acquista il Bologna per 800 000 euro. Dopo pochi giorni, viene ceduto in prestito al Lanus dove resta fino a fine stagione giocando 3 partite. Rientra a Bologna a fine campionato, l’esordio in rossoblù avviene contro la Juventus il 26 settembre 2018, giocherà solo un’altra partita, a causa di problemi fisici, fino alla conclusione del campionato contro l’Atalanta. L’anno seguente giocherà soltanto 3 partite prima di trasferirsi, a gennaio, in prestito al Lecce. Con i salentini debutta il 2 febbraio da subentrante nella partita contro il Torino vinta per 4 a 0. Finora ha giocato 11 partite, nell’ultima contro il Brescia ha giocato una partita a due volti, prima commette alcuni errori per disattenzione, poi alza il livello e gioca un ottimo secondo tempo.

Luca Rossettini inizia la sua avventura calcistica nel settore delle giovanili dell’Arcella e del Padova. Con i biancorossi fa il suo esordio tra i professionisti il 14 novembre 2004 nel derby contro il Cittadella. Resta con il Padova per 3 anni (dal 2004 al 2007) gioca 44 partite e riesce a collezionare 3 reti. Nella sessione di calciomercato estiva del 2007 lo acquista il Siena.

Il 15 settembre esordisce in Serie A nella partita casalinga contro il Milan. In 5 anni a Siena subisce due rotture del legamento crociato, retrocede in Serie B e conquista una promozione in A sotto la guida di Antonio Conte. In totale gioca 108 partite e segna il suo primo e unico gol (con la maglia del Siena) contro il Palermo il 26 febbraio 2012. A fine campionato viene acquistato dal Cagliari per 1,5 milioni di euro. In terra sarda gioca per 3 stagioni, 96 partite e 3 gol. La prima marcatura cagliaritana la mette a segno contro la Juventus il 18 dicembre 2014. A giugno 2015, dopo la retrocessione in Serie B del Cagliari, passa al Bologna (neopromossa) per 2,5 milioni di euro.

In un solo anno con i felsinei mette a segno gli stessi gol (3) che aveva realizzato nei 3 anni cagliaritani. Il primo contro il Napoli al Dall’Ara, il secondo contro il Genoa e il terzo contro la Roma l’11 aprile 2016. In totale gioca 29 partite. Nei 3 anni successivi, prima di arrivare al Lecce, gioca un anno con il Torino (30 presenze e 1 gol nella stagione 2016-17), uno con il Genoa (23 presenze nella stagione 2017-18) e uno con il Chievo (21 presenze nella stagione 2018-19). Dal 12 luglio 2019 è un calciatore del Lecce, in maglia giallorossa ha esordito il 26 agosto 2019 nella partita contro l’Inter a Milano. Ad oggi ha giocato 27 partite e fornito 2 assist. Non scende in campo, a causa di un’influenza, dalla sfida contro la Juventus, persa per 4 reti a 0, giocata il 26 giugno.

Filippo Falco muove i primi passi nel mondo del calcio prima con la maglia del Bari poi con quella del Lecce, dove si fa notare per un gol in slalom che ricorda la pulce e per il quale verrà poi chiamato il Messi salentino. Esordisce tra i professionisti all’età di 18 anni nella partita di Coppa Italia contro l’Udinese. È la prima e unica volta in campo con i salentini. Nell’agosto del 2011 viene girato in prestito al Pavia, gioca 29 partite e segna 8 gol. L’anno successivo torna al Lecce e ci resterà un solo anno, prima di iniziare un lungo giro di prestiti, dove giocherà 27 partite condite da 2 gol. La stagione 2013-14 la inizia alla Reggina e la conclude con la Juve Stabia dove realizza la sua prima marcatura in Serie B. A fine stagione passa, nuovamente in prestito, al Trapani. Con i siculi gioca 34 partite, segna 2 reti e fornisce 12 assist. Ad agosto 2015 passa al Bologna in prestito con obbligo di riscatto. L’esordio in rossoblù, e in Serie A, avviene il 29 agosto nella partita contro il Sassuolo. Con i petroniani giocherà 9 partite totali prima di trasferirsi a metà stagione al Cesena.

Qui gioca 12 partite, realizza la prima doppietta in carriera e conclude la stagione con 4 marcature totali. La stagione 2016-17 la passa in prestito, a titolo gratuito, al Benevento. Con i campani gioca 31 partite e segna 6 gol contribuendo alla promozione storica in Serie A del club. Ad agosto 2017 viene ceduto in prestito al Perugia con una clausola per il riscatto legata alla promozione in massima serie. Non conclude la stagione e passa, a gennaio, in prestito al Pescara. Le cose qui, come in precedenza a Perugia, non vanno benissimo a causa di una continua serie di infortuni che lo costringe a stare spesso lontano dal terreno di gioco. A giugno 2018 ritorna al Lecce, neopromossa in Serie B.

Con la maglia giallorossa torna subito a segnare già alla prima di campionato contro la sua ex squadra (il Benevento). Con 31 presenze, 7 gol e 10 assist è tra i protagonisti della promozione in Serie A dei salentini. Realizza il suo primo gol in Serie A il 3 novembre 2019 su punizione contro il Sassuolo. Quest’anno ha messo a segno per il momento 28 presenze, 4 gol e 5 assist. Mercoledì, nella vittoria casalinga contro il Brescia, ha fornito l’assist a Lapadula per il gol del vantaggio.

Ultima modifica il Sabato, 25 Luglio 2020 09:19