foto Ansa foto Ansa

Il Bologna fatica ma conquista i punti da record: col Lecce è 3 a 2

Scritto da  Lug 26, 2020

BOLOGNA - Il Bologna domina un tempo ma poi si fa recuperare; i tre punti arrivano lo stesso con Barrow nei minuti di recupero. Al Dall’Ara è 3 a 2 contro il Lecce. 

Mihajlovic non ha intenzione di perdere ulteriore terreno dalla colonna sinistra e carica i suoi, mettendo comunque sotto attenzione ancora Skov Olsen che gioca titolare al posto di Orsolini; c’è Svanberg sulla mediana insieme a Medel. Per il Lecce di Liverani la partita è da ultima spiaggia.

Passano due minuti e il Bologna è già in vantaggio. Il gol è dell’immarcescibile Palacio che di tocco infila la rete, dopo un buon lavoro di Barrow in area. 1 a 0 e i rossoblù mettono subito sotto pressione i salentini.

Dopo neanche due minuti, ci prova Svanberg dalla distanza e guadagna un corner.

La pressione è costante e al 5’ il Bologna raddoppia grazie a Soriano che trova il palo basso alla sinistra di Gabriel dalla distanza. 2 a 0 e la squadra di Mihajlovic sembra sulla via giusta per portare a casa i tre punti.

Ancora Svanberg dalla lunga distanza al 9’, blocca Gabriel.

Al 12’ il pallone a giro di Barrow esce di poco dall’incrocio dei pali. Il Bologna è tonico e attento, trovando spesso lo spazio per tentare la rete.

Ancora una bella azione del Bologna che si sviluppa con Palacio sulla sinistra; il cross dell’argentino viene colpito da Soriano di testa ma il pallone è troppo centrale e Gabriel blocca.

Il Lecce si vede al 23’ ed è con l’ex Filippo Falco; il tiro a giro lambisce l’incrocio ma esce sul fondo.

Poco prima del cooling break, al 25’ Skov Olsen assiste bene Barrow ma il tiro del gambiano trova pronto l’estremo difensore salentino.

Cinque minuti più tardi è ancora Barrow che si invola, supera Lucioni e saetta verso la porta ma colpisce il palo interno e Soriano non riesce a raggiungere la palla per il tap-in. Nonostante il grande caldo, i rossoblù continuano a macinare gioco e a proporsi a ripetizione verso la porta avversaria.

Barrow sembra incontenibile e al 35’ si trova ancora davanti alla porta contro Gabriel: il portiere giallorosso in qualche modo sventa.

Ottimo intervento di Svanberg un minuto più tardi che «copre» il tiro di Falco davanti alla porta e toglie al Lecce la possibilità di accorciare le distanze. 

AL 37’ è la volta di Skov Olsen che, dal limite dell’area, trova attento ancora una volta Gabriel che devia in tuffo in angolo.

Mancosu al 42’ tenta la via del gol quasi dal vertice dell’area ma, sebbene sia un bel tiro per la costruzione, la palla si allarga non trovando lo specchio della porta.

Più attivo il Lecce sul finire di primo tempo e Mihajlovic indirizza due urlacci ai propri. Non senza ragione visto che, nel secondo minuto di recupero, il Lecce accorcia le distanze con Mancosu dopo un’uscita poco agile di Skorupski su Dijks; il pallone arriva proprio all’attaccante salentino che, a meno di due metri dalla linea di porta, riapre la partita.

Si chiude così la prima frazione e, nonostante il Bologna abbia dominato per i primi 45’ minuti, la partita rimane ancora in bilico.

Nel secondo tempo, sono gli uomini di Liverani che si fanno vedere per primi ma la punizione al 47’ dai 25 metri di Falco si alza oltre la traversa.

Traversa di Falco al 51’ grazie anche a un’ottima deviazione di Skorupski sul tiro dell’attaccante. Tra le maglie rossoblù, ombreggiano gli spettri della gara contro il Parma.

Parte in contropiede da solo Barrow al 53’ ma è bravissimo Donati a recuperare e a difendere perfettamente sulla corsa del gambiano.

Settimo calcio d’angolo per il Bologna al 55’ dopo una botta dalla distanza di Skov Olsen. Dalla bandierina Svanberg ma l’azione si esaurisce con un nulla di fatto.

Primo slot di cambi per il Bologna al 56’ con Poli, Krejci e Orsolini in campo al posto rispettivamente di Svanberg, Dijks e Skov Olsen.

Grande occasione per il Lecce in contropiede al 60’ ma Skorupski è bravissimo a bloccare a terra il tiro di Mancosu.

È il Lecce che in questa fase cerca di imporre il proprio gioco cercando il gol dell’equilibrio; Bologna in difficoltà.

I salentini ancora verso la porta rossoblù con un colpo di testa di Lapadula al 64’, blocca a terra Skorupski.

Tanto tuonò che piovve e il Lecce riporta in parità la partita grazie a una bella azione di Falco che trova la rete dopo un dribbling in area. 2 a 2 e il Bologna sembra essere sulle gambe. Al momento, i cambi non hanno portato profitto ai rossoblù.

La squadra di Liverani, a cui serve assolutamente la vittoria per provare a rimanere in serie A, continua a spingere e Mihajlovic cerca di correre ai ripari facendo uscire Palacio e sostituendolo con Sansone per ritrovare brillantezza in attacco.

Prova a riaffacciarsi verso la porta avversaria il Bologna al 72’ ma il tiro di Medel, assistito da Barrow, subisce una deviazione e vola in angolo.

Bravo Sansone all’82’ a servire Barrow a centro area ma il colpo di testa dell’attaccante rossoblù esce senza trovare la porta.

Ancora un corner per il Lecce dopo un tiro dalla distanza di Barak all’85’.

Incredibile all’86’ con Kreicj che salva sulla linea il sinistro a incrocio di Falco che aveva superato Skorupski. In questi secondi 45 minuti il Bologna si è trovato spesso in ambasce, subendo la pressione salentina.

Sei i minuti di recupero concessi da Calvarese per questo finale di partita.

Nel secondo minuto di recupero, ancora un pallone pericoloso in area rossoblù: sventa Danilo in angolo.

Il Bologna si riprende però la partita nel quarto minuto di recupero con un contropiede di Santander prima sventato da Gabriel ma, successivamente, Orsolini serve Barrow che infila Gabriel. 3 a 2 confermato dal Var

 

BOLOGNA (4-2-3-1): Skorupski; Mbaye, Danilo, Denswil, Dijks (56’ Krejci); Svanberg (56’ Poli), Medel; Skov Olsen (56’ Orsolini), Soriano (79’ Santander), Barrow; Palacio (69’ Sansone). All. Mihajlovic

LECCE (4-3-2-1): Gabriel; Dell'Orco, Lucioni, Paz, Donati (59’ Rispoli); Mancosu, Tachtsidis (59’ Petriccione), Barak; Saponara (59’ Majer), Falco; Lapadula. All. Liverani

ARBITRO: Calvarese da Teramo (assistenti Carbone e Lo Cicero; IV uomo Sacchi; VAR Giacomelli e Tegoni)

RETI: 2’ Palacio, 5’ Soriano, 90’ +4’ Barrow (B), 45’+2’ Mancosu, 67’ Falco (L)

AMMONITI: 42’ Palacio (B), 90’ + 6’ Rispoli (L)

Massimo Sampaolesi

Fa parte del Direttivo di 1000 Cuori Rossoblu. Si occupa di Comunicazione e ama il Bologna come se stesso. Passioni: la filosofia e la Virtus.