Fenucci da Pinzolo: "L'importante è che Mihajlović stia bene. Lo spirito dei ragazzi è quello giusto, sono fiducioso per il futuro" crediti immagine: bolognafc.it

Fenucci da Pinzolo: "L'importante è che Mihajlović stia bene. Lo spirito dei ragazzi è quello giusto, sono fiducioso per il futuro"

Scritto da  Ago 28, 2020

Intervenuto ai margini della presentazione del ritiro estivo della stagione 2020-2021, l’amministratore delegato del Bologna, Claudio Fenucci, ha avuto modo di toccare diversi temi: 

Un ritiro particolare. «La prossima stagione si prospetterà complicata sotto il profilo organizzativo, per questo ringrazio il sindaco e il Comune di Pinzolo per la disponibilità e per gli sforzi compiuti nell’organizzare il tutto, soprattutto visti i numerosi controlli da effettuare e permessi da concedere, trattandosi di un ritiro a porte chiuse. Per quanto riguarda le riaperture degli stadi al pubblico stiamo già lavorando con la Lega per consentire ai tifosi di ritornare a vedere le partite dal vivo, ma ci dovrà essere un grande senso di responsabilità da parte di tutti. Saputo è un po’ preoccupato per le perdite legate al soccer americano (visto che lì i diritti TV sono una parte residuale del fatturato), ma rimane molto positivo sugli sviluppi del Bologna, anche se il mercato di quest’anno - in generale - sarà per forza di cose particolare, questo per tutte le squadre» 

Mihajlović e i ragazzi. «Lo spirito è quello giusto, ieri i giocatori hanno fatto una videochat con il mister e si sono caricati per la partenza del ritiro. L’importante è che Siniša stia bene, purtroppo si è trovato nel posto sbagliato al momento dello scoppio del focolaio in Sardegna, così come tanti altri. Tomiyasu è stato l’unico a rientrare a casa, non vedeva i genitori da un anno, sapeva che avrebbe dovuto scontare la quarantena al suo ritorno, ma il Ministero dello Sport ha reso possibile il reintegro dei giocatori nel gruppo squadra dopo una serie di tamponi negativi per cui alla fine Tomi potrà riaggregarsi con noi»

Volti nuovi e rincorsa all’Europa. «Il mercato comincia il 1 settembre, ci vorrà il tempo necessario per il deposito dei contratti e le visite mediche, se si riuscirà qualche nuovo giocatore ci raggiungerà in ritiro. Dovremo anche occuparci dei giocatori in uscita, in modo da lavorare in maniera efficiente sul campo. Europa? Io guardo con fiducia al futuro, abbiamo una società solida, un ottimo allenatore coadiuvato dal suo staff, un centro tecnico di primissimo livello e in programma l’ammodernamento dello stadio, una squadra ben costruita e calcisticamente matura. Saputo è ambizioso, così come tutti noi» 

Gianluca Gennai

Studente di Giurisprudenza all’università di Bologna, appassionato del Bologna sin dalla più tenera età. Tifo ergo scrivo.