Andreas Skov Olsen Andreas Skov Olsen Damiano Fiorentini per 1000Cuorirossoblù

Corriere di Bologna – E a breve il ritorno di Skov Olsen e Dijks

Scritto da  Nov 28, 2020

Il gruppo della Prima squadra fatica e corre sui campi del Centro Tecnico di Casteldebole, quasi al completo. Quel "quasi" porta i nomi di Andreas Skov Olsen e Mitchell Dijks (oltre che al lungo degente Federico Santander) che, ormai in fondo al percorso di recupero, potrebbero essere già arruolabili per la partita interna contro i giallorossi di Fonseca il 13 dicembre. Arruolabili non vuole dire in condizione di giocare una partita intera per 90 minuti, ma permetterebbe a Mihajlovic quantomeno di avere più soluzioni in termini di rotazione. Intanto, tornando all'oggi, domenica arriva il Crotone di Giovanni Stroppa, 2 punti in classifica e sulla carta avversario "possibile" per l'armata rossoblù, ma, come sempre, mai commettere l'errore di sottovalutare l'avversario, soprattutto quando ha l'acqua alla gola, per l'ultimo posto in classifica. Schouten ritornerà al suo posto, possibile turno di riposo per lo svedese Svanberg (non brillante in Coppa contro lo Svezia), mentre aumentano le chanches di vedere in campo il capitano Andrea Poli, che deve mettere nelle gambe minuti di gioco, per ritrovare la condizione il prima possibile. Con lui sarà disponibile anche Medel, che si accomoderà in panchina pronto a salire nel gioco, nel momento in cui sarà chiamato dal suo Mister. In difesa quindi, davanti a Skorupski, linea a quattro con De Silvestri, Danilo, Tomiyasu e Hickey, a centrocampo Schouten e Poli, mentre in avanti dietro a Palacio, il solito terzetto composto da Soriano, Orsolini e Barrow. Assenze importanti anche per il Crotone, che non potrà presentare né CigariniRispoli: la partita di Bologna, qualora non portasse punti ai Calabresi potrebbe essere l'ultima di Giovanni Stroppa sulla panchina del Crotone.

 

(Fonte A. Mossini - Corbo)

Torben Grael

Amante delle profondità umane e ricercatore delle motivazioni che muovono l'universo mondo, ama lo sport di squadra e ogni sua evoluzione possibile, la musica AOR e tutto quanto si chiama "PROSPETTIVA"