Gary Medel Gary Medel fonte immagine: 1000cuorirossoblù

Il Resto del Carlino - Il Bologna in emergenza contro lo Spezia per invertire la rotta

Scritto da  Dic 16, 2020

È un Bologna sotto esame quello che questa sera al Picco battezzerà lo stadio ligure per la sua prima partita di Serie A della storia. I rossoblù arrivano dalla cocente sconfitta per 1-5 contro la Roma e vogliono riscattarsi contro l’avversario che poco meno di un mese fa al Dall’Ara ha sancito l’eliminazione dei rossoblù dalla Coppa Italia.

Il Bologna è chiamato a rispondere alle critiche piovute dopo l’ennesima sconfitta con una delle grandi del campionato; finora infatti la squadra di Sinisa Mihajlovic ha perso sempre con chi le sta davanti: Milan, Sassuolo, Lazio, Napoli, Inter ed infine Roma. I punti però devono comunque arrivare e le sfide con Spezia oggi e Torino nel weekend sono fondamentali per ricominciare a macinare punti importanti.

A fare da cornice a questa situazione tutt’altro che piacevole ci si è messa una nuova emergenza infortuni. Sarà probabilmente una difesa rimaneggiata quella che vedremo di scena a La Spezia. Tomiyasu tornerà in fascia, quella sinistra, per coprire l’assenza di Hickey e Mbaye. La buona notizia per la fascia mancina è che Dijks è comparso nuovamente tra i titolari, anche se oggi per lui ci sarà solo un posto in panchina.
Chi scalpita invece è Gary Medel: il cileno ormai da settimane cerca di farsi spazio, in estate si era detto disposto anche a retrocedere in difesa, magari in una linea a tre, pur di giocare con più frequenza. L’infortunio l’ha rallentato ma ora il Pitbull c’è e reclama spazio nell’11 titolare, anche se dietro non si giocherà a 3, parola di Sinisa, che, dopo l’esperimento fallito con l’Inter, nel post-gara contro la Roma ha dichiarato che il Bologna “non può giocare a 3”. Insomma, per Medel spazio in mediana o nella linea a 4. Il cileno potrebbe trovare il suo spazio dunque in mediana dove Poli ha dimostrato di essere ancora indietro nella condizione fisica, dopo il grave infortunio subito col Parma.
Dietro, con Tomiyasu in fascia e Medel in lotta per un posto più avanti, ecco Paz. L’argentino era praticamente ai margini della rosa, ma nel finale con i giallorossi, appena riconvocato, si è ritrovato in campo, ora starà a lui dimostrare di poterci stare, convincendo Miha a riabilitarlo completamente.

In avanti Barrow cerca il riscatto dopo la deludente prova di Coppa Italia contro i liguri. Il gambiano aveva segnato, ma aveva pure sbagliato il rigore nel finale dei 90’ regolamentari, oltre a qualche altra occasione divorata. Con lui dovrebbero agire Vignato e Soriano. Qualche dubbio in più su Palacio, questa serie di parte ravvicinate potrebbe convincere Mihajlovic a tenerlo fuori almeno inizialmente, ma le soluzioni scarseggiano: una potrebbe essere quella del classico 4-2-3-1 con Svanberg riproposto esterno, l’altra quella che porta ad un 4-3-2-1 inedito. L’impressione però è che Mihajlovic schiererà i migliori, almeno dal primo minuto.

 

Fonte: Marcello Giordano, Il Resto del Carlino

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.