Eraldo Pecci a 1000 Cuori: "Difficile in questo momento investire nel club"

Scritto da  Gen 15, 2021

Alla vigilia di Bologna-Verona abbiamo raggiunto telefonicamente Eraldo Pecci, giocatore dei rossoblu in due distinti periodi della sua carriera. Il momento no del Bologna (tre sconfitte e cinque pareggi) è stato sottolineato in conferenza stampa da Mihajlovic come una crisi di risultati e non di gioco. Pecci concorda: "Non ho visto tutte le partite del Bologna, ma direi che per ciò che ho visto il Bologna è una squadra che può vincere dappertutto come no, è una mina vagante per gli avversari e credo ci siano squadre messe peggio. Al Bologna ora è sfuggito qualche risultato, ma non vedo così tante preoccupazioni anche se fa pochi punti. Il gioco della squadra è confortante rispetto a come vanno le partite".

Può esserci una svolta anche fuori dal campo? Dopo diversi anni di gestione Saputo il tifoso bolognese ormai da tempo mormora. Pecci ha le idee chiare: "In questo periodo, pensiamo per esempio alla nostra vita privata: aspetti di sapere cosa succede domani oppure investi? Non credo si possa credere in questo momento a nessun presidente di fare grossi investimenti. E' un momento in cui tutti restiamo alla finestra. Domani poi quanto potrebbe valere la squadra? Che ritorno avrà? Non lo possiamo sapere. Ora è un momento dove bisogna scollegare tutto, accettare ciò che viene e poi se e quando torneranno condizioni normali potremmo tornare a fare discorsi normali. Se c'è un genio che sa come guadagnare in questi momenti, merito suo, io non saprei come fare. Capisco che non si possa osare oggi, sarebbe un bel problema secondo me". 

In chiusura una battuta su uno spettacolo calcistico sempre più desolante senza pubblico negli stadi: "Non ci sono alternative all'assenza del pubblico, inutile dilungarci. Era già un successo l'anno scorso a tornare a vedere partite dopo aver chiuso tutto per un lungo periodo. La realtà è questa e dobbiamo abituarci, speriamo piuttosto di uscire da questo casino senza danni, ci sono problemi ovviamente peggiori della assenza di pubblico".

Stefano Ravaglia

Stefano Ravaglia nasce a Ravenna nel 1985. Giornalista pubblicista, appassionato di calcio e della sua storia,  ha seguito il Milan quasi dovunque in Italia e in Europa e collabora con la testata online "Europa Calcio". Appassionato in particolar modo di calcio inglese, tesserato al Liverpool Italian Branch, si occupa anche di Formula Uno, essendo direttore del sito www.F1world.it. Ha all'attivo quattro libri e alcuni racconti pubblicati in varie antologie. Conduce il programma tv "Cartellino Giallo" su Teleromagna ogni lunedì, e collabora con "1000 Cuori Rossoblù" dal gennaio 2020.