Stampa questa pagina
Marcos Paulo Marcos Paulo fonte immagine: Twitter ufficiale Fluminense FC

La Bottega dei Talenti - Marcos Paulo

Scritto da  Gen 27, 2021

Non solo gennaio. Il Bologna in questa finestra di mercato, come spesso capita a tutti i club che hanno una struttura consolidata, programma anche per l’estate. Inevitabilmente dunque in questa fase emergono i primi nomi in vista della prossima estate.

Uno dei nomi che nelle scorse settimane ha attirato l’attenzione dei media è quello di Marcos Paulo. Calciatore brasiliano di grande talento, era finito nel mirino di Sabatini. L’affare era molto interessante anche perché il brasiliano sarebbe potuto arrivare a parametro zero, visto che il contratto col suo attuale club, il Fluminense, andrà in scadenza il prossimo giugno, e Marcos non rinnoverà.

Sul calciatore tuttavia la concorrenza è tanta e di alto livello: Inter e Atletico Madrid su tutte. Se in questo momento il calciatore sembra orientato a sbarcare nel club della capitale spagnola, vale la pena capire chi è Marcos Paulo, per avere un’idea precisa sui profili su probabilmente si muoverà la dirigenza nel prossimo futuro.

Marcos Paulo Costa do Nascimento è nato Nitéroi, nel grande stato di Rio de Janeiro, il 1° febbraio 2001.
Ha cominciato a giocare a calcio prestissimo prima nel Profute Tanguà e poi nel settore giovanile del Vasco da Gama. Solo nel 2012 è approdato al “Tricolor das Larnajeiras”, il Fluminense.

Al Fluminense arriva, già da ragazzino, con l’etichetta del bomber. Non delude le attese e nel settore giovanile della squadra di Rio de Janeiro segna caterve di gol, che gli valgono anche la chiamata della Nazionale under17 brasiliana.

Nel 2018 arriva, a soli 17 anni, arriva la prima convocazione in prima squadra. Marcos infatti siede in panchina in occasione di una gara di Brasileirao 2018, contro il Santos. L’anno successivo, nel Brasileirao 2019, quando Marcos ha dunque compiuto 18 anni, entra a far parte in pianta stabile della rosa del Fluminense.
In questa stagione colleziona 30 presenze totali, di cui 24 in campionato e 6 in Copa Sudamericana, esordendo dunque nel contesto del calcio internazionale per club del sub-continente americano.
Durante la stagione fa molto bene, nelle 24 presenze nel Brasileirao segna 4 reti e fornisce 4 assist, mentre in Copa Sudamericano trova 2 reti e un assist.

L’emergenza covid provoca un piccolo cortocircuito nei campionati brasiliani. Di fatto nella prima parte del 2020 si giocano solo i campionati statali. In questo segmento di stagione Marcos colleziona appena 9 presenze e due reti. La stagione prosegue tra il finale del 2020 e in queste settimane si sta concludendo, con le ultime giornate del Brasileirao.
In questa seconda parte della lunga stagione 2020/21 del calcio brasiliano, Marcos Paulo, in campionato, gioca 24 volte in campionato, segnando 3 gol e fornendo altrettanti assist, e altre due presenze le colleziona nella Coppa Nazionale, senza però lasciare il segno.

In Nazionale, come detto, si guadagna giovanissimo la chiamata dell’under 17 della Seleçao. Tuttavia, dopo questa chiamata, sceglie le giovanili della selezione del Portogallo, di cui Marcos possiede il passaporto. Con i lusitani gioca in under 18 e in under 19, partecipando anche al Torneo di Tolone.

186 cm x 76 kg, Marcos Paulo è un calciatore longilineo, dotato di una struttura muscolare molto sviluppata, caratterizzata anche da lunghi arti inferiori affusolati. Agile negli spazi stretti, ma non particolarmente rapido nel breve, è invece molto veloce sul lungo, grazie soprattutto alle lunghe leve di cui è in possesso.

Destro naturale, è in possesso di una tecnica sopraffina. Primo controllo, finte, gioco di gambe e agilità, Marcos Paulo è dotato di tutte le caratteristiche per diventare un grande calciatore. Tatticamente inquadrato fin da bambino come punta centrale, ha segnato caterve di reti nelle giovanili. Tuttavia, nel passaggio tra i professionisti ha riscontrato qualche difficoltà, forse più legata al fatto che tutti gli allenatori che lo hanno avuto al Fluminense lo hanno schierato in tutti i ruoli dell’attacco.

Sul campo comunque Marcos ha dimostrato di avere tutte le doti per essere un centravanti anche tra i professionisti. Grazie al suo fisico infatti è molto abile nel gioco di sponda. Si tratta di una abilità che, unita alla grande tecnica di cui è in possesso, rendono il suo lavoro di sponda davvero molto raffinato ed efficace.
Grazie alla sua tecnica sopraffina è dotato anche di grande abilità nel dribbling e la velocità sul lungo ne fanno un grande contropiedista.

Marcos ha tutte le armi fisiche e tecniche per muoversi anche negli spazi stretti dell’area di rigore. Il suo dribbling infatti compensa la sua mancanza di rapidità nel breve ed è anche in possesso di una notevole conclusione verso la porta.
A proposito di finalizzazione, come suggerisce la sua altezza ben oltre i 180cm, è molto abile anche nel colpo di testa e nelle giocate di finalizzazione in acrobazia.
Un altro elemento che lo contraddistingue è la sua capacità di attaccare la profondità. Infatti, Marco è abile nel giocare sulla linea del fuorigioco, che spesso elude grazie a perfetti movimenti a mezzaluna e un perfetto controllo del suo piazzamento rispetto alla linea avversaria.

È ovviamente un grande talento, che a parametro zero ingolosisce tante società, visto anche che nel suo contratto con il Fluminense è presente una clausola rescissoria da 45 milioni. Il Bologna è tra i club interessati, ma sicuramente più indietro rispetto a club di blasone europeo come Atletico ed Inter, che possono permettersi di offrire oltre che un ingaggio maggiore, un livello di competizione più ambizioso.

Stefano Francesco Utzeri

Studio Giornalismo all'Università di Parma inseguendo il mio sogno: raccontare lo sport e i suoi protagonisti. Nativo digitale sedotto dai Beatles e Marty McFly.