Alé Bulåggna - Quand l’óm fa la tèra, la dóna dvanta bèla

Scritto da  Feb 18, 2021

Quest’oggi la nostra rubrica va a prendere in considerazione un detto leggermente macabro e poco generoso con le donne che rimangono vedove. Prendetelo per quello che è, un motteggio del nostro dialetto che come spesso avviene è irriverente. Bisogna poi anche tenere conto, che per quanto poco politicamente corretto e forse poco generoso, è però abbastanza realistico.

Quand l’óm fa la tèra, la dóna dvanta bèla

La traduzione letterale è “quando l’uomo fa la terra, la donna diventa bella”, ed il significato è che quando il marito è morto, la donna torna appetibile e troverà qualcuno che vorrà consolarla. A onor del vero possiamo dire che valga anche il viceversa.

In ogni caso nel nostro ambito, cioè quello sportivo, possiamo trasportare questa frase con alcuni piccoli accorgimenti: “quand l’óm fa la tèra, la dóna dvanta bèla” potrebbe diventare un modo per prendere in giro alcune “vedove” di ex giocatori. A volte accade infatti che una volta cambiata casacca, qualche giocatore che non aveva brillato in rossoblù, diventi di colpo un rimpianto per buona parte della tifoseria. In questo caso si potrebbe dire che “quand l’óm fa la tèra, la dóna dvanta bèla”, intendendo che appena questi non è più nella nostra squadra, torna ad essere interessante.

Medesima cosa per un allenatore o un dirigente che una volta allontanatosi da Bologna, appaia di colpo più competente di quanto non sembrasse in rossoblù. Anche in questo caso potremmo parafrasera il motteggio“quand l’óm fa la tèra, la dóna dvanta bèla”, intendendo appunto che appena diventato libero, e quindi privo dei difetti che gli riconsocevamo avendolo ogni giorno "davanti", sia tornato "bello", ovvero competente.

Tutte le uscite della rubrica dialettale bolognese le trovate a questo link.

Ultima modifica il Domenica, 14 Febbraio 2021 16:16
Simone Zanetti

Appassionato di Bologna ed Archeologia, oltre a tifare Bologna FC e Fortitudo Baseball, tifa (inspiegabilmente) per il Cruz Azul.