Franco Janich Franco Janich Bologna FC

Oggi Franco Janich avrebbe compiuto 84 anni

Scritto da  Andrea Corsini Mar 27, 2021

Era la metà settembre del 1970 e il Bologna si trovava a Berlino Est per il primo turno della Coppa delle Coppe. L’avversario era la squadra della Germania Orientale del Vorwaerts, che in lingua tedesca significa “Avanti”, pluricampione negli anni sessanta del campionato nazionale della Oberliga.

Non era semplice allora giocare in quei Paesi, ed era ancora più difficile giocare in quello stadio, lo Jahn Sport-Park di Berlino Est, le cui tribune si affacciavano verso il Muro, in particolare sulla “striscia della morte”, l’area di confine composta di filo spinato e di torrette con perpetue guardie armate che separava quella parte di mondo dall’enclave circondata e libera di Berlino Ovest. Per gli occidentali che ci giocavano, doveva costituire un monito perenne, quasi una minaccia, come il clima gelido di quella sera, accompagnato dal diluvio di pioggia e dal campo paludoso e cupo come lo spirito di chi li ospitava.

Il Bologna non era preparato a quell’ambiente ostile, al furore degli attacchi tedeschi e si aggrappò all’ultimo baluardo, al suo Capitano, affinchè potesse prendere tutti ancora per mano: narrano le cronache che Franco Janich fu un Gigante nel guidare la difesa e solo grazie alle sue arti gladatorie riuscimmo ad uscire indenni da quella partita. Fu il nostro magistrale, vero, gioioso e memorabile Muro di Berlino, in grado di prevalere su quello inanimato, triste e luttuoso fatto di cemento armato sito a pochi metri dal luogo di quella partita.

Ora ammiro questa maglia del Vorwaerts Berlino di quel 1970/71, con le bande verticali giallorosse e lo stemma di quella società oggi scomparsa: anche Franco ci ha lasciato, ma in verità non potrà mai farlo, perchè la morte non è niente quando hai donato a tutti così tanto come il nostro, unico, immortale Muro di Berlino.

 

Ultima modifica il Venerdì, 26 Marzo 2021 09:42