Beppe Signori Beppe Signori ansa.it

CorrBo - Signori, il riscatto comincia dalle firme e dalle lettere dei tifosi

Scritto da  Apr 08, 2021

E' arrivato il momento del riscatto per Beppe Signori. Dopo l'assoluzione giunta dal Tribunale di Modena la settimana scorsa e l'assenza di nuove comunicazioni dalle procure di Bergamo e Pescara, l'ex Capitano del Bologna attende la sentenza della giustizia sportiva. La riabilitazione nella Federcalcio è infatti il prossimo obiettivo di Signori, dopo essere stato radiato nel 2012 da ogni ruolo nel Calcio. Un calcio morale che vuole dare prima di lasciarsi alle spalle del tutto la vicenda, dati i vent'anni che il vicecampione dei Mondiali '94 ha donato a questo sport. 

Ad aiutare Beppe-gol e cercare di oleare gli ingranaggi sono entrati in gioco i tifosi: come raccontato da M. Vigarani sul Corriere di Bologna, i luminari dell'Ospedale Sant'Orsola Mario Lima, Gilberto Poggioli e Mario Taffurelli, insieme al notaio Carlo Vico, hanno lanciato una raccolta firme sulla piattaforma Carghe.org. In meno di tre giorni sono state raccolte le 2.500 firme previste, portando ad alzare l'obiettivo a 5.000 e arrivando ad avere il patrocinio anche del Bologna Fc, dandogli visibilità con una nota sul sito. Insieme alla petizione è stata inviata anche una lettera indirizzata direttamente al Presidente della Figc Gravina: "Signori ci ha fatto sognare, poi ce l'hanno portato via e ci hanno detto che non era quel mito che avevamo fatto entrare nel nostro cuore. Ciascuno di noi si è sentito accusato. [...] Ora che è stato assolto, ci aspettiamo che la giustizia sportiva faccia la sua parte e lo riabiliti al più presto". Ieri, un'altra lettera è partita da Bologna verso la Federazione, firmata Centro Bologna Clubs, Ass. Futuro Rossoblu e alcuni gruppi della Curva A. Costa.

Beppe Signori può contare sull'appoggio dei suoi cari tifosi, che con un abbraccio virtuale stringono forte il loro Capitano e goleador. Per ora commenta solo ai messaggi di incoraggiamento che gli arrivano sui social, aspettando il momento giusto per commentare pubblicamente. 

 

Fonte: M. Vigarani - Il Corriere di Bologna

 

Matteo Linarello

Studio Scienze della Comunicazione, gioco a baseball da quando ero “cinno” e possiedo una fede multi-sportiva legata alla mia città: Bologna.
Mi piace lo sport in tutte le sue angolazioni: vederlo, praticarlo e raccontarlo.