Federico Ravaglia Federico Ravaglia Damiano Fiorentini per 1000 Cuori rossoblù

Il Resto del Carlino – Ravaglia verso il Frosinone, ora manca un portiere al Bologna

Scritto da  Federico Noviello Giu 26, 2021

 

 

Un rinnovo “particolare” per il giovane portiere rossoblu Federico Ravaglia, dato che verrà subito ceduto in prestito in Serie B al Frosinone per continuare a farsi le ossa. Un grande salto in avanti per il giovane bolognese, poiché entrambe le volte era stato mandato in Serie C: rispettivamente al Gubbio e Sudtirol.

Come riporta Marcello Giordano, la scelta di virare sul portiere rossoblu è dovuta maggiormente ai numerosi problemi di ingaggio causati dall’attuale titolare Bardi (scadenza 2022).

Inizialmente il nome di Ravaglia è stato un’ipotesi plausibile all’interno della trattativa (tutt’ora in corso) con la Spal per portare a Casteldebole Bonifazi e Seck, ma alla fine la società ha deciso di reputare la Ciociaria la strada migliore per la crescita del giovane portiere, con il neo-tecnico Grosso orientato a stabilirlo titolare fisso.

Dopo la partenza di Angelo Da Costa, seguita da quella di Ravaglia e il rientro dal prestito all’Ascoli di Sarr, il Bologna è alla ricerca di un terzo portiere da inserire all’interno del trittico richiesto da Sinisa Mihajlović.

Teoricamente la situazione portieri in casa rossoblu dovrebbe rimanere la seguente, a meno che non arrivino offerte irrinunciabili per Lukasz Skorupski, il quale potrebbe essere sostituito da Strakosha, attualmente in forza alla Lazio.

 

Per quanto riguarda il mercato sul fronte difensivo, è prevista l’ufficialità per giovedì 1 luglio (data di apertura del calciomercato estivo) del riscatto di Adama Soumaoro da parte del Bologna per 2 milioni dal Lille.

Altra ipotesi da tenere in considerazione è la possibile presenza di Kevin Bonifazi al raduno della squadra previsto martedì 29 giugno. Il difensore attualmente in forza alla Spal e reduce dall’ultima stagione in prestito all’Udinese, è atteso in città per la prossima settimana nonostante con il club ferrarese non siano state ancora apposte le firme: operazione da 6,5 milioni con la formula del prestito con obbligo di riscatto e contratto fino al 2025 da circa 1 milione a stagione.

Spostandosi sul fronte offensivo, il Bologna sembra aver chiuso per il figlio d’arte Sidney Van Hooijdonk. Il classe 1999 è già atterrato in città per sottoporsi alle visite mediche di rito ed essere così pronto in vista del raduno di martedì prossimo.

La giovane punta olandese, svincolatasi dal Nac Breda a seguito di una stagione costellata da 16 gol in 31 presenze, è prossimo a completare tutti i controlli previsti nelle prossime ore e avrà il compito di andare a completare il pacchetto punte insieme a Barrow (attualmente l’unico) in attesa dello svincolo di Arnautović dallo Shanghai.

Il giovane verrà valutato nel ritiro di Pinzolo, che si svolgerà dal 14 al 24 luglio, per verificare la propria duttilità e tenerlo di conseguenza come vice della punta austriaca.

Nel caso non dovesse convincere, l’ipotesi più probabile è il prestito e il Bologna sarà quindi costretto a cercare nuovamente un’altra punta. Per il classe ‘99 quadriennale da 400mila euro a stagione.

Tornando sul fronte difensivo, resta calda la pista che porta a Theate dell’Ostenda (scadenza 2022), ma nel caso decidesse di affondare il colpo, il Bologna ha già ribadito di non voler spendere oltre i 4 milioni già previsti.

Invece per quanto riguarda gli svincolati Kolarov e Benatia, rispettivamente 35 e 34 anni, le richieste di oltre 1,5 milioni di ingaggio sono ritenute troppo elevate dal Bologna e finché non decideranno di abbassare le proprie pretese, la società terrà queste due situazioni in stand by.

Infine è sempre costante il pressing dell’Atalanta su Takehiro Tomiyasu e nel caso la società orobica decidesse di mettere sul piatto i 25 milioni richiesti dal Bologna, si potrebbero riaprire numerose piste, in primis su tutte quella di Lyanco, con il Torino impuntato a non scendere sotto i 9 milioni stabiliti da oltre due settimane.

La situazione tra Atalanta e Bologna è molto “intrecciata”, dato che i felsinei avrebbero chiesto ai bergamaschi delle informazioni riguardanti ilncentrocampista Viktor Kovalenko, il quale potrebbe rappresentare la pedina per chiudere l’affare. La situazione riguardante il centrocampista ucraino all’interno della trattativa per il difensore nipponico potrebbe essere già chiarita tra le due società entro la prossima settimana.

Nel frattempo, il difensore ex primavera Hamza El Kaouakibi, dopo essere stato eletto il miglior terzino destro della Serie C, torna dal prestito in Alto Adige e il Bologna è già pronto con il rinnovo.

Il difensore marocchino potrebbe seguire la stessa strada di Ravaglia, ovvero firmare il rinnovo contrattuale fino al 2026, per poi essere mandato in prestito in Serie B: Frosinone e Pordenone in pole per il terzino rossoblu.